Lavoro

ISEE: i Commercialisti analizzano le novità

ISEE: i Commercialisti analizzano le novità
La Fondazione Nazionale dei Commercialisti analizza il nuovo modello ISEE in vigore dal 1° gennaio 2015, chiarendo i dubbi in materia

Con un documento del 31 marzo 2015, la Fondazione Nazionale dei Commercialisti analizza le novità introdotte in tema di ISEE. In particolare, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 17 novembre 2014, del decreto di approvazione del nuovo modello ISEE, emanato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali il 7 novembre 2014, la riforma dell’ISEE è pienamente operativa già a partire dal 1° gennaio 2015. E’ da questa data in effetti che la vecchia DSU non viene più accettata perché sostituita dai nuovi modelli.

Il documento di approfondimento della Fondazione è strutturato in tre parti:

  • nella prima parte dopo aver richiamato il significato di ISEE se ne evidenziano le novità a partire dall’1 gennaio 2015. In particolare il documento mette in evidenza come le modalità di calcolo siano differenziate a seconda delle prestazioni a cui si vuole accedere: ci sono, in effetti, diversi indicatori in funzione della specificità delle situazioni che tengono conto quindi delle caratteristiche del richiedente, della prestazione che si andrà a chiedere e delle caratteristiche del nucleo familiare. Un’attenzione particolare viene posta inoltre all’indicatore della situazione reddituale e quindi alle modalità da seguire per giungere alla giusta individuazione del reddito di ogni singolo componente del nucleo familiare, e all’indicatore della situazione patrimoniale;
  • nella seconda parte il documento passa ad analizzare la dichiarazione sostitutiva unica DSU allegando il relativo modello. Sono meglio specificate le modalità di presentazione della dichiarazione, le modalità di calcolo dell’ISEE e l’indicazione della documentazione necessaria per la compilazione della nuova DSU;
  • nella terza parte la Fondazione presenta diversi casi risolti attraverso risposte ai quesiti giunti sull’argomento.
Documento 31 Marzo 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *