Diritto

Iscrizione a ruolo e contraddittorio: niente obbligo generalizzato

Iscrizione a ruolo e contraddittorio: niente obbligo generalizzato
Non è necessario alcun avviso bonario preventivo alla cartella di pagamento, se la pretesa del fisco riviene dal controllo automatizzato della dichiarazione del contribuente

Non è necessario alcun avviso bonario preventivo alla cartella di pagamento, se la pretesa del fisco riviene dal controllo automatizzato della dichiarazione del contribuente. Così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 9740 del 13 maggio 2015.

IL FATTO
A seguito del controllo automatizzato ai sensi dell’art. 36-bis del D.P.R. n. 600/73, dal quale era risultato l’omesso versamento di imposte indicate in dichiarazione, veniva emessa nei confronti di un contribuente una cartella di pagamento, con irrogazione di sanzioni ed applicazione di interessi.

Il ricorso del contribuente, con cui deduceva fra l’altro la mancanza della previa comunicazione di avviso bonario, veniva rigettato dalla CTP.

L’appello veniva invece accolto dalla Commissione Tributaria Regionale sulla statuizione che la mancanza di preventiva comunicazione dell’avviso bonario, prevista dall’art. 36-bis, comma 3, del D.P.R. n. 600/73 determina l’invalidità della cartella di pagamento.

Proponeva ricorso per cassazione l’Agenzia delle Entrate, osservando che l’iscrizione a ruolo deve essere preceduta dalla comunicazione al contribuente di un avviso ove ricorrano ipotesi tassative e specifiche e che nessuna delle ipotesi previste dalla legge era venuta in rilievo nel caso di specie, nel quale il controllo automatizzato aveva semplicemente rilevato che alcune imposte indicate in dichiarazione non erano state versate dal contribuente.

LA DECISIONE DELLA CORTE DI CASSAZIONE
La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate. Ai sensi dell’art. 36-bis, comma 3, del D.P.R. n. 600/73, quando dai controlli automatici eseguiti emerge un risultato diverso rispetto a quello indicato nella dichiarazione, ovvero dai controlli eseguiti dall’Ufficio emerge un’imposta o una maggiore imposta, l’esito della liquidazione è comunicato al contribuente per evitare la reiterazione di errori e per consentire la regolarizzazione degli aspetti formali. Ai sensi dell’art. 6, comma 5, della legge n. 212/2000, prima di procedere alle iscrizioni a ruolo derivanti dalla liquidazione di tributi risultanti da dichiarazioni, qualora sussistano incertezze su aspetti rilevanti della dichiarazione, l’Amministrazione finanziaria deve invitare il contribuente a fornire i chiarimenti necessari o a produrre i documenti mancanti entro un termine non inferiore a trenta giorni dalla ricezione della richiesta; sono nulli i provvedimenti emessi in violazione di tale disposizione.

Come affermato dalla medesima Corte, l’art. 6, comma 5, della legge n. 212/2000 non impone l’obbligo del contraddittorio preventivo in tutti i casi in cui si debba procedere ad iscrizione a ruolo, ai sensi dell’art. 36-bis del D.P.R. n. 600/73, ma soltanto “qualora sussistano incertezze su aspetti rilevanti della dichiarazione”, situazione, quest’ultima, che non ricorre necessariamente nei casi soggetti alla disposizione appena indicata, la quale implica un controllo di tipo documentale sui dati contabili direttamente riportati in dichiarazione, senza margini di tipo interpretativo; del resto, se il legislatore avesse voluto imporre il contraddittorio preventivo in tutti i casi di iscrizione a ruolo derivante dalla liquidazione dei tributi risultanti dalla dichiarazione, non avrebbe posto la condizione di cui al citato inciso.

Secondo l’accertamento di fatto risultante dalla sentenza impugnata, non ricorrono i presupposti cui la disciplina normativa collega l’obbligo della preventiva comunicazione ai fini dell’instaurazione del contraddittorio. La norma di cui all’art. 36-bis, comma 3, del D.P.R. n. 600/73 è stata quindi erroneamente applicata dal giudice di merito.

Ne consegue l’accoglimento del ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *