Lavoro

INPS: modalità operative per le prestazioni a sostegno del reddito

INPS: modalità operative per le prestazioni a sostegno del reddito
L’Inps definisce le modalità operative per procedere alla liquidazione delle prestazioni a sostegno del reddito

L’Inps, con il messaggio n. 5408 del 17 giugno 2014, dopo aver identificato i soggetti destinatari delle prestazioni a sostegno del reddito, definisce le modalità operative per procedere alla liquidazione delle prestazioni a sostegno del reddito.

Con la pubblicazione nella G.U. del 29 maggio 2014 del decreto del Ministero del Lavoro del 14 febbraio 2014, i datori di lavoro possono inviare le domande all’Inps tese ad ottenere il riconoscimento dello sgravio contributivo (25% a favore degli stessi datori di lavoro e 100% ai lavoratori) sulle somme di produttività erogate l’anno scorso in base a contratti aziendali o territoriali. All’art. 1 prevede la concessione del prolungamento dell’intervento di tutela del reddito in favore dei destinatari del Decreto n. 76353/2013 limitatamente alle mensilità residue nell’anno 2014, trattasi quindi dei lavoratori in mobilità ordinaria o lunga o destinatari del programma di reimpiego ultracinquantenni di cui alla legge n. 127 del 2006.

Allegato al messaggio n. 5408 del 17 giugno 2014, l’Inps con un file excel identifica i beneficiari del decreto in oggetto nelle diverse tipologie.

I nominativi dei titolari di prestazione straordinaria, destinatari del decreto in oggetto, saranno comunicati ai Referenti regionali con apposito file contenente i dati anagrafici, nonché l’importo e la durata della prestazione.

Le sedi competenti dovranno procedere alla liquidazione di una nuova prestazione analoga all’assegno straordinario, escluso il rateo di tredicesima, il cui onere viene posto a carico del Fondo sociale per occupazione e formazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *