Lavoro

Infortuni e malattie professionali: rendite rivalutate dal 1° luglio 2014

Con determina il Presidente INAIL ha approvato la relazione del Direttore Generale del 10 aprile 2014, concernente la rivalutazione, con decorrenza 1° luglio 2014, delle prestazioni economiche per infortuni sul lavoro e malattie professionali dei settori industriale, agricolo, navigazione, medici radiologi e tecnici sanitari di radiologia autonomi. La presente determinazione sarà inviata al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’emanazione dei relativi decreti.

Gli importi sono stati aggiornati sulla base della variazione dei prezzi al consumo ISTAT, pari all’1,13%.

Settore industria

La retribuzione media giornaliera aggiornata è pari a euro 76,97.
I nuovi limiti retributivi annui minimo e massimo da assumere ai fini del calcolo della rendita sono i seguenti:

  • Limite minimo euro 16.163,70;
  • Limite massimo euro 30.018,30.

Settore agricoltura

La retribuzione convenzionale annua, sulla cui base vanno riliquidate le rendite dirette e le rendite ai superstiti in godimento al 1° luglio 2014, è di euro 24.394,60.

Medici colpiti da malattie e lesioni causate dall’azione dei raggi x e delle sostanze radioattive

Per i medici colpiti da malattie e lesioni causate dall’azione dei raggi x e delle sostanze radioattive la retribuzione convenzionale annua, sulla cui base vanno riliquidate le rendite dirette e le rendite ai superstiti in godimento al 1° luglio 2014, è di euro 59.943,38.

La spesa relativa alle operazioni di rivalutazione delle prestazioni economiche, quantificata in euro 35.573.826, graverà sul capitolo 370 “Rendite di inabilità e ai superstiti” imputabile alla Missione/programma 1.2 “Prestazioni istituzionali di carattere economico erogate agli assicurati” – del Bilancio di previsione 2014, che presenta la necessaria disponibilità finanziaria di competenza e di cassa.

INAIL – Relazione Direttore Centrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *