Lavoro

INAIL: modello bonus-malus aggiornato

INAIL: modello bonus-malus aggiornato
Cambia il modello di domanda per il bonus-malus Inail. L’Istituto ha pubblicato online una nuova versione del modello «OT24» utilizzato per richiedere la riduzione del tasso medio di tariffa da parte di chi abbia effettuato interventi di miglioramento delle condizioni di igiene e sicurezza sul lavoro

Cambia il modello di domanda per il bonus-malus Inail. L’Istituto, infatti, ha pubblicato online una nuova versione del modello «OT24» utilizzato per richiedere la riduzione del tasso medio di tariffa da parte di chi abbia effettuato interventi di miglioramento delle condizioni di igiene e sicurezza sul lavoro. Il nuovo modello va utilizzato per le domande che verranno inoltrate nel 2016 (entro la fine del mese di febbraio) in relazione agli interventi migliorativi adottati nel corso di quest’anno.

Il bonus-malus
Tecnicamente si chiama «oscillazione del premio per prevenzione»; si tratta di un incentivo (comporta, infatti, la riduzione del premio assicurativo dovuto all’Inail) e interessa i datori di lavoro che si trovano al terzo o successivo anno di attività. L’agevolazione è concessa dall’Inail a domanda, in presenza del soddisfacimento delle seguenti condizioni:

  • regolarità negli adempimenti contributivi e assicurativi;
  • regolarità rispetto alle norme obbligatorie in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

L’incentivo rientra tra i «benefici normativi e contributivi» previsti dal D.M. 24 ottobre 2007 e, pertanto, per poterne beneficiare, è altresì necessario che, all’atto della concessione, i datori di lavoro siano in possesso di questi ulteriori requisiti (previsti dal citato decreto):

  • applicazione integrale della parte economica e normativa dei contratti e accordi collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali delle imprese e lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, nonché degli altri obblighi di legge;
  • inesistenza, a carico del datore di lavoro o del dirigente responsabile, di provvedimenti, amministrativi o giurisdizionali, definitivi in ordine alla commissione delle violazioni, in materia di tutela delle condizioni di lavoro, di cui all’allegato A del predetto D.M. 24 ottobre 2007 o il decorso del periodo indicato dallo stesso allegato per ciascun illecito (sono le cosiddette «cause ostative»);
  • possesso della regolarità contributiva nei confronti di Inail e Inps e, per il settore edile, anche delle casse edili.

Il nuovo modello di domanda
L’incentivo è concesso a domanda da inoltrare esclusivamente in via telematica all’Inail entro il 28 febbraio dell’anno seguente quello di riferimento utilizzando il modello «OT24». L’Inail ha aggiornato il modello per le richieste che andranno presentate entro il 28 febbraio 2016 dalle imprese che, avendo iniziato l’attività entro il 2 gennaio 2014, abbiano effettuato interventi migliorativi nel corso di quest’anno.

Il nuovo modello ha una nuova grafica e per il resto riproduce lo schema dei precedenti modelli: una scheda informativa generale e quattro questionari (A = interventi di carattere generale; B = interventi di carattere generale ispirati alla responsabilità sociale; C = sicurezza e sorveglianza sanitaria; D = prevenzione di rischi specifici). Tra le novità risulta ridotto il punteggio (da 40 a 35) spettante all’azienda che abbia realizzato interventi in attuazione del «Programma Responsable Care» di cui all’accordo Inail e Federchimica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *