Italia

Imu e acconto Irpef, Ires e Irap: ecco tutte le scadenze fiscali di dicembre

Saldo Imu, acconti fiscali, Irpef, Ires e Irap, nonché versamento della cedolare secca e della tassa Imu sulle case all’estero, l’Ivie. Sono queste le più importanti scadenze fiscali che attendono i contribuenti nel mese di dicembre 2013. Vediamole nel dettaglio.

Saldo Imu 2013. La scadenza fiscale più incerta e più attesa riguarda il versamento del saldo Imu. Se da una parte è certa l’abolizione dell’Imu prima casa, meno sicuro è lo stop al pagamento Imu seconda casa, terreni, negozi, ecc. In tal caso il conto potrebbe anche essere molto salato, visto che il Fisco potrebbe rivalersi sulle abitazioni diverse dalla prima per recuperare le risorse perse con l’abolizione dell’Imu prima casa.

Acconto Irpef 2013. Tra le altre scadenze fiscali di dicembre ci sono gli acconti fiscali, quindi acconto Irpef, acconto Ires, acconto Irap, che sono stati ritoccati al rialzo come misure per coprire il buco del mino rinvio dell’aumento Iva dal 21 al 22%. Per ciò che riguarda in primo luogo l’acconto Irpef 2013, il prossimo 23 dicembre quando si passerà da 99 al 100% dell’imposta. A non pagare l’acconto Irpef nella misura del 100% saranno dipendenti e pensionati con un reddito fisso da stipendio o pensione.

Irap/Ires. Il 2 dicembre le imprese saranno chiamate a versare l’acconto Ires 2013, aumentato fino al 101%. In scadenza il 2 dicembre anche l’acconto Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive da versare fino al 100%.

L’Ivie, L’Imu sulla case all’estero. Sempre in data 2 dicembre scadono Ivie e Ivafe. L’Ivie è l’imposta sul valore delle case all’estero introdotta dal governo Monti e ridisciplinata dalla Legge di Stabilità 2013.

Cedolare secca. Infine, appuntamento al 2 dicembre anche per chi ha scelto l’opzione al regime della cedolare secca sugli affitti. L’imposta in tal caso, specie per chi ha scelto un affitto a canone concordato, è sceso dal 19 al 15 per cento, da versare o in un’unica soluzione o in due rate, scadenti una a giugno e una a dicembre, nella misura del 60%.

2 Commenti

    1. Cara Alessandra, l’articolo è stato riprodotto da questo link il quale non riporta alcuna riproduzione riservata. E’ con loro che devi rivendicare la proprietà del diritto d’autore, noi non possiamo sapere a quale fonte faccia riferimento se non viene indicata. La prossima volta ti invitiamo a inoltrare eventuali segnalazioni tramite l’apposita funzione “Contatta la Redazione”, senza utilizzare i commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *