Diritto

L’imprenditore che non accantona l’Iva non può invocare l’assenza di dolo

In caso di omesso versamento Iva, il fatto di aver cercato di porre rimedio alla crisi di liquidità, anche attraverso le risorse personali dell’imprenditore, non è sufficiente a far venir meno la configurazione del dolo nel reato: l’accantonamento preventivo di somme in vista del futuro dovuto versamento è un comportamento, anche se non dovuto, quantomeno prudenziale, che onera cioè il contribuente del rischio per il possibile inadempimento

ABBONATI PER LEGGERE L'ARTICOLO

Gli abbonati ci aiutano a garantire una costante informazione. Come utente abbonato potrai:

Leggere e salvare tutti gli articoli su pc e tablet

Consultare la banca dati

Richiedere consulenze

Ricevere la newsletter

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close