Lavoro

Il Ministero del lavoro: “Attivati 24.581 contratti a favore di donne e giovani”

Il Ministero del lavoro: “Attivati 24.581 contratti a favore di donne e giovani”
Molti datori di lavoro ed imprenditori si chiedevano quale fosse l’esito delle loro domande presentate per l’ottenimento di 12.000 euro per le trasformazioni dei contratti a tempo indeterminato, oppure di 3.000 o 6.000 euro per le assunzioni con contratto a termine. Il Ministero comunica tutti i dati riguardo l’incentivo per l’assunzione di donne e giovani disoccupati con meno di 29 anni

E’ stata una delle misure del Governo Monti e del Ministro Fornero che più aveva richiamato l’attenzione degli imprenditori, dei datori di lavoro italiani, in termini di assunzioni agevolate. Un beneficio economico di 12.000 euro riconosciuto a chi stabilizzava a tempo indeterminato donne o giovani under 29, oppure un beneficio da 3.000 a 6.000 euro per i contratti a termine. Le domande potevano essere presentate fino al 31 marzo ed era possibile il riconoscimento fino ad esaurimento fondi. Il Ministero ha pubblicato il 10 giugno 2013 un comunicato ufficiale riguardo i beneficiari di tali agevolazioni.

Quali erano gli incentivi. Con un Decreto Interministeriale del 5 ottobre, il Ministro del lavoro e dell’Economia avevano attivato un “Fondo per il finanziamento di interventi a favore dell’incremento, in termini quantitativi e qualitativi, dell’occupazione giovanile e delle donne” di 230 milioni di euro che consentiva il riconoscimento di un beneficio economico di:

  • 12.000 euro per le trasformazioni dei contratti a termine o a progetto, nonché delle associazioni in partecipazione, in contratti a tempo indeterminato;
  • 3.000 euro per contratti di lavoro di durata non inferiore a 12 mesi e fino a 18 mesi;
  • 4.000 euro se la durata del contratto supera i 18 mesi (ossia tra 19 mesi e 24 mesi);
  • 6.000 euro per i contratti aventi durata superiore a 24 mesi.

Le trasformazioni in un contratto a tempo indeterminato, le stabilizzazioni e le assunzioni a tempo agevolabili potevano essere effettuate dal 17 ottobre 2012 e fino al 31 marzo 2013. Il riconoscimento degli incentivi era effettuato sulla base dell’ordine cronologico di presentazione della domanda all’Inps, e fino ad esaurimento fondi. In molti in questi mesi si sono chiesti quale era l’esito della loro domanda. Lo chiarisce il comunicato del Ministero, vediamolo.

Il Comunicato del Ministero:

Sono 24.581 i contratti di lavoro attivati grazie ai 232 milioni di euro stanziati dal Fondo straordinario previsto dalla legge 214/2011 “Salva Italia”  a favore di giovani under 29 e delle donne. Coerentemente con lo spirito della norma, che intendeva incentivare il superamento della precarietà dei rapporti di lavoro per queste categorie di persone, oltre 23mila casi riguardano conversioni di contratti a termine in rapporti a tempo indeterminato.
Il decreto di costituzione del Fondo prevedeva un incentivo pari a 12 mila euro per le aziende che avessero “stabilizzato” entro il 31 marzo 2013 rapporti di lavoro a termine (collaborazione coordinata, a progetto, ecc.), incentivi da 3 a 6 mila euro per l’avvio nuove assunzioni a tempo determinato della durata minima di 12 mesi, mentre per i rapporti di lavoro part time a tempo indeterminato l’importo dell’incentivo previsto è proporzionale all’orario di lavoro (per un part time al 50% l’incentivo è stato pari a 6.000 euro, per uno al 70% di 8.400 euro).

Complessivamente sono state presentate 44.054 domande di incentivi, per un totale di 409,2 milioni di euro. Verificati i requisiti, le richieste sono state accolte in base all’ordine di presentazione. Nei limiti dello stanziamento, ne sono state accettate 24.581, per un totale di 232,1 milioni di euro.

Per quanto riguarda la tipologia dei rapporti di lavoro attivati, quasi il 50% è costituito da trasformazioni e stabilizzazioni con contratti a tempo indeterminato full time, per complessivi 146,3 milioni di euro, mentre circa il 40% è rappresentato da conversioni in contratti a tempo indeterminato part time, per un importo complessivo di 75,2 milioni (corrispondente in media a 7.684 euro a istanza). Limitato è stato, invece, l’uso dell’incentivo per la stipula di nuovi contratti a tempo determinato.

Gli importi impegnati verranno erogati dall’Inps in unica soluzione dopo 6 mesi dalla trasformazione dei contratti o dall’assunzione dei lavoratori (Circolare n. 122 del 17.10.2012) avviati nel periodo compreso tra il 17 ottobre 2012 (data di pubblicazione del decreto) e il 31 marzo 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *