Diritto

Il dipendente licenziato deve allegare le opportunità di reimpiego

Legittimo il licenziamento in caso di soppressione del servizio a cui era addetto il dipendente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16979/2013, bocciando il ricorso del dipendente che non aveva adeguatamente assolto l’onere di allegazione e deduzione di concrete opportunità di reimpiego all’interno del gruppo.

Al contrario, osservano i giudici: “La critica svolta, al riguardo, dal lavoratore si è imperniata esclusivamente sull’evocata peculiare utilità delle mansioni assolte alle dipendenze della Srl, di sovraintendere i rapporti con fornitori di hardware e software, senza scalfire la statuizione della Corte di merito con adeguate censure non implicanti un inammissibile riesame del merito in questa sede di legittimità”.

La Cassazione ricorda che “l’esercizio del diritto d’impugnazione di una decisione giudiziale può considerarsi avvenuto in modo idoneo soltanto qualora i motivi con i quali è esplicato si concretino in una critica della decisione impugnata e, quindi, nell’esplicita e specifica indicazione delle ragioni per cui essa è errata, le quali, per essere enunciate come tali, debbono concretamente considerare le ragioni che la sorreggono e da esse non possono prescindere”.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 16979/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *