Fisco

Gualtieri: “Si lavora per ridurre tasse a settembre”

Il Ministro dell'Economia: ipotesi riscrittura sostanziale del calendario versamenti per superare sistema di acconti e saldi

L’obiettivo del nuovo scostamento di Bilancio del Governo è quello di ridurre le tasse per i contribuenti in difficoltà a settembre. È quanto sostenuto dal Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, intervenuto alla Camera durante il question time: “E’ intenzione del Governo – ha sottolineato il titolare dell’Economia – usare il prossimo scostamento di Bilancio per rimodulare ulteriormente questo pagamento previsto per settembre, riducendo significativamente l’onere per i contribuenti”.

Il governo sta valutando “una riscrittura sostanziale del calendario dei versamenti” fiscali – ha aggiunto – per superare la logica di un “sistema di acconti e saldi, per un sistema basato sulla certezza di tempi e adempimenti e sulla diluizione nel corso dell’anno degli importi da versare, calcolati su quanto effettivamente incassato dalle partite IVA”.

È opportuno, ha sottolineato il Ministro dell’Economia, “un rinnovato confronto con operatori e intermediari, perché semplificare il sistema fiscale è nell’interesse di tutti”.

Dal Ministro arriva anche una posizione sul fronte delle scadenze fiscali del 20 luglio: “abbiamo fatto una scelta giusta, anche se non tutte le scelte giuste sono popolari. Suggerisco di guardare al futuro”. Ed ha aggiunto: “siamo consapevoli che gli studi dei commercialisti stanno lavorando molto. Ma non penso che un rinvio di poche settimane cambierebbe molto la situazione, perché a settembre ci saranno altri adempimenti, che peraltro il Governo intende alleggerire. Posso confermare che valuteremo il tema delle sanzioni“.

Infine, i dati sul gettito fiscale da autoliquidazione “aggiornati ai versamenti al 30 giugno danno segnali positivi”, ha assicurato Roberto Gualtieri: l’Irpef, ha sottolineato il Ministro, mostra “una riduzione di appena 516 milioni rispetto al 2019, mentre l’Ires di 932 milioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *