Fisco

Grandi contribuenti: continua l’azione di controllo del Fisco

Grandi contribuenti: continua l’azione di controllo del Fisco
Consolidamento dell’attività di tutoraggio e introduzione di nuove forme di interlocuzione con i grandi contribuenti: sono queste le direttrici lungo le quali si muoverà l’Agenzia delle Entrate, nell’ambito delle strategie di contrasto all’evasione fiscale

Con riferimento alle misure atte ad evitare l’elusione da parte delle grandi imprese italiane, l’azione dell’Agenzia delle Entrate sarà volta a dare attuazione alle linee tracciate nel «Rapporto sulla realizzazione delle strategie di contrasto all’evasione fiscale e sui risultati conseguiti nel 2013 e nell’anno in corso», presentato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze al Parlamento lo scorso 3 ottobre 2014, che con riferimento alle grandi imprese vedono, da un lato, il consolidamento dell’attività di tutoraggio e dall’altro, l’introduzione di nuove forme di interlocuzione con le grandi imprese.
L’indicazione è emersa nel corso del question time, in risposta all’interrogazione n. 5-04085, con cui si chiedeva conto al Governo delle iniziative per contrastare l’elusione tributaria da parte di grandi imprese italiane.

Nei confronti dei contribuenti con volume d’affari o ricavi non inferiori a 100 milioni di euro, l’Agenzia delle Entrate effettua, entro l’anno successivo a quello di presentazione delle dichiarazioni, una specifica attività sia in materia di imposte dirette che di Iva (c.d. «tutoraggio»).
Tale controllo interessa l’intera platea dei c.d. «grandi contribuenti» ed è finalizzata a graduare le modalità di intervento da porre in essere nei confronti di tali contribuenti in funzione delle caratteristiche proprie di tale tipologia di soggetti. L’attività si concretizza nel monitoraggio dei comportamenti realizzati attraverso specifiche analisi di rischio concernenti il settore produttivo di appartenenza dell’impresa, il profilo di rischio della singola impresa, dei soci, delle partecipate e delle operazioni effettuate (tra le quali, assumono particolare significatività le operazioni di riorganizzazione aziendale transnazionale), desunto anche dai precedenti fiscali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *