Lavoro

Gestione separata: aliquote contributive per il 2014

L’INPS, con la circolare n. 18 del 4 febbraio 2014, fa il punto su aliquote contributive, aliquote di computo, massimale e minimale per l’anno 2014 relativamente alla Gestione separata a seguito delle novità introdotte dalla legge di Stabilità 2014.

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE

La legge di Stabilità 2014 (art. 1 commi 491 e 744), ha modificato le aliquote contributive per la gestione separata già previste per il 2014. Nel dettaglio:

  • per i soggetti iscritti alla gestione separata, già assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie o titolari di pensione, l’aliquota contributiva e di computo per l’anno 2014 è elevata al 22 per cento;
  • per i lavoratori autonomi, titolari di posizione fiscale ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (liberi professionisti), iscritti in via esclusiva alla gestione separata, per l’anno 2014 l’aliquota contributiva rimane fissata al 27 per cento.

Per tutti gli altri soggetti iscritti in via esclusiva alla gestione separata – gli iscritti alla gestione separata diversi dai liberi professionisti e per i quali l’obbligo contributivo è in capo ad un soggetto terzo (associati in partecipazione, venditori porta a porta, borsisti, etc.) – invece, rimane immodificata la disposizione che ha previsto che l’aliquota contributiva e di computo venga elevata al 28 per cento.

Per gli iscritti che non siano pensionati o che non risultino già assicurati ad altra forma previdenziale obbligatoria rimane confermata l’ulteriore aliquota contributiva per il finanziamento dell’onere derivante dall’estensione agli stessi della tutela relativa alla maternità, agli assegni per il nucleo familiare, alla degenza ospedaliera, alla malattia ed al congedo parentale. La predetta aliquota contributiva aggiuntiva, inizialmente stabilita nella misura dello 0,50 per cento, a far data dal 7 novembre 2007 è pari allo 0,72 per cento.

QUADRO RIEPILOGATIVO ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER IL 2014

Liberi Professionisti Aliquote
soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 27,72%

(27,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva)

soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 22,00%
Collaboratori e figure assimilate Aliquote
soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 28,72%

(28,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva)

soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 22,00%

ONERE CONTRIBUTIVO E MODALITA’ DI VERSAMENTO

La ripartizione dell’onere contributivo tra collaboratore e committente rimane fissata nella misura rispettivamente di un terzo (a carico del collaboratore) e due terzi ( a carico del committente), salvo il caso di associazione in partecipazione, per il quale la ripartizione tra associante ed associato avviene in misura pari rispettivamente al 55 per cento e al 45 per cento dell’onere totale.

Si rammenta che il versamento dei contributi deve essere eseguito dal titolare del rapporto contributivo (committente o associante) entro il giorno 16 del mese successivo a quello di corresponsione del compenso, mediante il modello F24 telematico (per i titolari di partita IVA).

MASSIMALE ANNUO DI REDDITO

Le aliquote del 27,72, del 28,72 e del 22,00 per cento, sono applicabili facendo riferimento ai redditi conseguiti dagli iscritti alla Gestione separata fino al raggiungimento del massimale di reddito previsto dall’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/1995, che per l’anno 2014 è pari a euro 100.123,00.

MINIMALE PER L’ACCREDITO CONTRIBUTIVO

Per l’anno 2014 il minimale per l’accredito contributivo è pari ad euro 15.516,00. Pertanto:

  • gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l’aliquota del 22 per cento avranno l’accredito dell’intero anno con un contributo annuo di euro 3.413,52;
  • gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l’aliquota del 27,72 per cento o del 28,72 per cento avranno l’accredito dell’intero anno con un contributo annuale rispettivamente pari ad euro 4.301,03 (di cui 4.189,32 ai fini pensionistici) e ad euro 4.456,19 (di cui 4.344,48 ai fini pensionistici).

I compensi erogati ai collaboratori entro la data del 12 gennaio 2014 e riferiti a prestazioni effettuate entro il 31 dicembre 2013 sono da calcolare con le aliquote contributive in vigore nel 2013.

INPS – Circolare N. 18/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *