Lavoro

Fondi per microcredito: le FAQ dai Consulenti del Lavoro

Fondi per microcredito: le FAQ dai Consulenti del Lavoro
Le FAQ ricevute per risolvere le perplessità sollevate finora sul fondo sono state raccolte dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro in un’apposita circolare. In attesa dell’operatività dei bandi, sul sito dei CdL è stata messa a disposizione la pagina speciale del dedicata al Microcredito implementa appunto, di un nuovo servizio: le FAQ che risolvono le prime perplessità sulla procedura e che saranno aggiornate nel corso delle settimane a seconda delle novità che interverranno

In attesa della pubblicazione in G.U. del decreto del Mise, ancora al vaglio della Corte dei Conti, e della successiva circolare operativa che darà il via ufficiale alla procedura, l’accesso ai fondi del microcredito sembrerebbe slittare a metà maggio. La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha raccolto nella circolare n. 8 del 17 aprile 2015, le FAQ ricevute per risolvere le perplessità sollevate finora sul fondo e che sono rese disponibili grazie all’istituzione di un apposito servizio sul sito www.consulentidellavoro.it.

A quanti potenziali beneficiari le risorse ordinarie del Fondo PMI possono consentire la concessione della garanzia pubblica? Qual è la logica del click day?
I primi riscontri parlano di un grande interesse da parte dei cittadini, ma al momento non è possibile avere una stima attendibile. Non è necessaria, però, alcuna corsa all’accaparramento della garanzia in quanto non si tratta di un bando con una finestra temporale definita entro la quale poter presentare le domande.
Quindi nessun click day ma soltanto un momento dal quale sarà possibile richiedere l’intervento del Fondo PMI.

Quali saranno gli operatori accreditati?
Nell’elenco degli operatori accreditati saranno inserite le banche, le finanziarie vigilate, gli operatori iscritti nell’elenco di cui all’art. 111 TUB (quando sarà attivato), aventi i requisiti per operare con il Fondo PMI. La presenza dell’intermediario nell’elenco non garantisce che lo stesso sia organizzato per fare operazioni di Microcredito né che sia interessato a tali attività. Per tale motivo la Fondazione Studi consiglia di individuare l’operatore prima ancora della presentazione della domanda di prenotazione della garanzia.

Ci sono delle specificità regionali?
Per espressa previsione di normative regionali, nelle Regioni Abruzzo, Toscana e Marche non è possibile per gli operatori del Microcredito accedere direttamente al Fondo PMI; gli stessi, quindi dovranno necessariamente operare in collaborazione con un consorzio collettivo di garanzia fidi (confidi).

Tra le caratteristiche dell’accesso alla garanzia del Fondo PMI vi è una valutazione economico finanziaria da parte del Gestore del Fondo? E ancora: all’atto dell’istanza di prenotazione della garanzia e all’atto della presentazione della domanda sarà necessaria la predisposizione di un progetto imprenditoriale o business plan?
Nessuna valutazione nella prima fase di richiesta della garanzia.

E’ possibile che l’operatore del Microcredito possa chiedere al beneficiario una fideiussione personale (non bancaria)?
Le criticità sollevate rientrano – seppur indirettamente – nella competenza dell’Istituto bancario che dovrà materialmente erogare le risorse. Sono stati pertanto presentati i necessari interpelli all’Associazione bancaria italiana per chiarire il tutto.

Quale sarà il reale tasso massimo applicabile?
Il tasso effettivo globale, comprensivo di interessi, commissioni e spese di ogni genere, ivi comprese quelle per i servizi ausiliari, applicato ai finanziamenti concessi non può superare il tasso effettivo globale medio rilevato per la categoria di operazioni risultante dall’ultima rilevazione trimestrale effettuata ai sensi della legge 7 marzo 1996, n. 108, moltiplicato per un coefficiente pari a 0,8.

Quale sarà il ruolo del Consulente del Lavoro?
Il Consulente del Lavoro potrà assistere l’azienda verificando i requisiti richiesti dalla normativa e supportando la stessa nella prenotazione della garanzia, oltre che per l’espletamento delle pratiche amministrative inerenti la gestione aziendale.

Il Consulente del Lavoro potrà presentare le istanze sul portale del Mise?
Per poter procedere all’inoltro dell’istanza si dovranno richiedere le credenziali d’accesso. Le stesse verranno rilasciate direttamente ad ogni soggetto che dovrà presentare istanza e non al singolo Consulente del Lavoro. Tuttavia la Fondazione Studi ha fatto richiesta perché i Consulenti del Lavoro possano avere accesso alle credenziali.

Quando sarà possibile presentare le istanze sul portale del Mise?
Ad oggi si è ancora in attesa di pubblicazione in G.U. del decreto del Mise. Successivamente verrà pubblicata una circolare operativa da parte del Ministero.
Presumibilmente l’inizio della procedura non sarà prima di maggio.

Le Srl potranno presentare istanza di accesso al microcredito?
In base a quanto previsto dal Decreto Mef n. 176/2014 sono ricomprese solo le Srl semplificate.

Relativamente alla lettera c) delle tipologie di finanziamenti attuabili (art. 2 Decreto n. 176/2014) le Srl semplificate sono escluse?
La lettera c) dell’articolo 2 del decreto n. 176/2014 prevede che, tra le misure finanziabili, ci siano i corsi di formazione volti ad elevare la qualità professionale e le conoscenze dei lavoratori dipendenti, dell’imprenditore e del lavoratore autonomo. Tale possibilità è estesa anche ai soci di società di persone e cooperative. Ne discende, pertanto, che, ad una lettura puntuale della norma, risultano esclusi i soci delle Srl semplificate. La Fondazione Studi evidenzia che l’esclusione opera solo per i soci di Srls e non anche per i dipendenti delle stesse.

Che garanzie concederà il fondo agli operatori di Microcredito?
La normativa ad ora in vigore prevede che non sia prevista alcuna garanzia reale in capo al soggetto finanziato. Le garanzie del fondo sono concesse ad una misura massima dell’80% dell’ammontare del finanziamento concesso ed, entro predetto limite, coprono fino all’80% dell’ammontare dell’esposizione per capitale ed interessi.

Il Consulente del Lavoro dovrà predisporre una relazione ad hoc per la presentazione dell’istanza?
Al Consulente del Lavoro non è richiesta la redazione di una relazione ad hoc. Il soggetto che richiede il finanziamento dovrà valutare con l’operatore di Microcredito l’eventuale necessità di un progetto ai soli fini del contratto di finanziamento, il quale potrà essere sviluppato in totale autonomia o, in caso di necessità, in collaborazione con il Consulente. Il ruolo del Consulente del Lavoro è, dunque, quello di verificare l’esistenza dei requisiti normativi in capo al soggetto da finanziare ed assistere lo stesso nella presentazione dell’istanza sul portale dedicato al Microcredito.

Considerato che il fondo di garanzia è rivolto anche alle nuove iniziative imprenditoriali, l’impresa/società nascente dovrà essere iscritta in CCIAA o si può attendere l’eventuale disponibilità dei fondi?
Come riportato dal sito del gestore del fondo, almeno per la fase di prima attivazione, solo le aziende già esistenti ed attive possono presentare istanza di prenotazione garanzia per Microcredito per sviluppo attività. Non sarà possibile, per contro, presentare istanze per avvio di attività.

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro – Circolare N. 8/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *