Italia

Eurostat, nell’Eurozona la recessione è «tecnicamente» finita. Anche in Italia la frenata si attenua

Torna il segno più davanti all'indice del Prodotto interno lordo dell'Eurozona. Dopo un anno e mezzo di recessione, Eurostat conferma il ritorno alla crescita
Torna il segno più davanti all’indice del Prodotto interno lordo dell’Eurozona. Dopo un anno e mezzo di recessione, Eurostat conferma il ritorno alla crescita

Torna il segno più davanti all’indice del Prodotto interno lordo dell’Eurozona. Dopo un anno e mezzo di recessione, Eurostat ha confermato oggi il ritorno alla crescita, per quanto timida, del Pil europeo nel secondo trimestre di quest’anno, dopo sei rilevazioni consecutive in calo, già anticipato da una prima stima a Ferragosto.

Il Pil è salito dello 0,3% nell’Eurozona (i 17 paesi che hanno aderito all’euro) e dello 0,4% nell’Ue (che nel periodo aprile/giugno era ancora composta da 27 paesi, ai quali solo in luglio si è aggiunta la Croazia). Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il dato resta negativo nell’Eurozona (-0,5%) mentre è stabile nell’Ue a 27. Per Eurostat, l’Europa si porta così, almeno tecnicamente, fuori dalla recessione, confermando la prima stima dell’ufficio europeo di statistica del 14 agosto.

Meno positivo il dato del Pil riferito all’Italia. Dopo il calo registrato ieri dall’Ocse (-2,4% nel 2012, con ulteriore flessione dell’1,8% nel 2013), l’Eurostat stima il Pil nazionale ancora in discesa nei primi sei mesi dell’anno dello 0,2% rispetto al primo trimeste, calo che comunque segna una attenuazione della contrazione rispetto al -0,6% registrato a inizio anno. Tra gli Stati membri i cui dati sono disponibili, il dato migliore su base trimestrale arriva dal Portogallo (+1.1%), seguito da Germania, Lituania, Finlandia e Regno Unito (tutti a +0.7%). Oltre all’Italia, l’arretramento più consistente riguarda invece Cipro (-1.4%), Slovenia (-0.3%), e Olanda (-0.2%).

Soddisfatto per i dati diffusi dal Eurostat il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy: «La “crisi esistenziale” dell’eurozona è finita. Ma la crisi economica, di crescita e lavoro, è ancora con noi» e quindi «non è tempo per compiacersi: la spensieratezza potrebbe mettere in pericolo gli sforzi fatti ed i risultati raggiunti». Per Van Rompuy, si cominciano a vedere «risultati concreti», dal momento che i segnali di crescita «sono disomogenei, modesti, forse fragili, ma positivi».

Potrebbe anche interessarti: Ocse: Pil italiano a -1,8% nel 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *