Italia

Esodati, tutela estesa ad altri 20-30mila lavoratori nella legge di stabilità

Esodati, tutela estesa ad altri 20-30mila lavoratori nella legge di stabilità
Il Governo lavora per ampliare la platea degli esodati, dopo l’intervento deciso di salvaguardare altri 6.500 persone (licenziati individuali)

Il Governo lavora per ampliare la platea degli esodati, dopo l’intervento deciso mercoledì di salvaguardare altri 6.500 persone (licenziati individuali). Un punto su cui i sindacati non mollano (dopo l’annuncio del ministro Giovannini di voler salvaguardare ancora 20-30mila persone), e incalzano il governo affinché vari una soluzione per tutti. A loro ha risposto ieri il ministro Graziano Delrio: «In autunno con la legge di stabilità prepareremo le cose in maniera di ampliare la platea degli esodati da tutelare».

Sempre in vista della legge di stabilità, nei prossimi giorni, «ci dovrà essere un ragionamento complessivo su come affrontare le conseguenze negative della legge Monti-Fornero, da risolvere», spiega il sottosegretario al Lavoro, Carlo Dell’Aringa. Insomma, serve trovare una soluzione strutturale per chiudere la stagione degli esodati. Ma si dovrà trovare una quadra anche sui possibili interventi sulle pensioni, compresi quelle sui maxi assegni. Il tutto, ovviamente, con un occhio attento ai costi.

L’intervento deciso mercoledì dal governo tutela 6.500 persone, oggetto di licenziamento individuale. Queste persone potranno andare in pensione con le regole previgenti a due condizioni. Che abbiano conseguito successivamente alla data di cessazione, la quale comunque non può essere anteriore al 1° gennaio 2009 e successiva al 31 dicembre 2011, un reddito annuo lordo complessivo riferito a qualsiasi attività (non riconducibile a lavoro dipendente a tempo indeterminato) non superiore ai 7.500 euro. E inoltre, risultino in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che, in base alla legge ante Fornero, avrebbero comportato la decorrenza del trattamento pensionistico entro il 36esimo mese successivo alla data di entrata in vigore delle nuove regole. Il costo complessivo di questa quarta salvaguardia (dopo i primi tre interventi decisi dal precedente governo per tutelare rispettivamente, 65mila, 55mila e 10.130 persone) è calcolato in 581 milioni di euro, spalmato fino al 2019: 151 milioni per il 2014; 164 milioni per il 2015; 124 milioni per il 2016; 85 milioni per il 2017; 47 milioni per il 2018; 12 milioni per il 2019. I soggetti interessati a questa salvaguardia dovranno fare domanda all’Inps, che provvede al monitoraggio (quando si arriva a capienza delle somme stanziate non saranno più prese in considerazione nuove domande).

Per il segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, «bisogna ora salvaguardare anche la categoria degli autorizzati ai versamenti volontari, una categoria molto ampia». La Cgil, con il segretario confederale Vera Lamonica, chiede al governo «di aprire un tavolo per discutere tutti i temi che riguardano la previdenza». E un confronto con il parlamento e il ministro Giovannini sui temi previdenziali lo chiede anche il presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano.

Su eventuali modifiche alla legge Monti-Fornero è però prudente Scelta Civica. Secondo il suo responsabile area welfare, Giuliano Cazzola, «non è necessaria né tanto meno urgente la convocazione di una riunione di maggioranza per fare il punto sulle modifiche alla riforma delle pensioni del governo Monti». Cazzola dice di apprezzare la prudenza con cui i ministri Giovannini e Saccomanni affrontano il tema delle pensioni, consapevoli, spiega, «che la riforma Monti-Fornero ha garantito, in larga misura, il recupero di credito di cui il nostro paese ancora gode sui mercati finanziari e presso i nostri interlocutori e cancellerie europee».

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza *Captcha loading...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close