Italia

Entrate tributarie in calo dello 0,4%

A causa di una flessione dell’1,2% sul versante contributivo nel periodo gennaio-maggio di quest’anno calano dello 0,4% le entrate tributarie. Che sul fronte fiscale fanno registrare una crescita dello 0,1% (148 milioni di euro) con una lievitazione del gettito Irpef dell’1,4% e un significativo calo dell’Iva (-6,8%). A comunicarlo in via definitiva è il ministero dell’Economia che sottolinea che «il gettito dei primi cinque mesi del 2013 è sostanzialmente in linea con quello dell’analogo periodo dell’anno scorso». Da Via XX settembre si fa poi notare che la frenata delle entrate contributive è da addebitare al «crescente ricorso alla rateazione dei pagamenti».

Quanto alle entrate tributarie, risultano in crescita le imposte degli enti locali (+514 milioni di euro, +5,4 per cento) e i ruoli incassati che ammontano a 2.826 milioni di euro (+118 milioni di euro, +4,4 per cento). Le poste correttive, che nettizzano il bilancio dello Stato, aumentano lievemente (-111 milioni di euro, -1,2%). Il ministero dell’Economia spiega che tra le imposte dirette, il gettito Irpef si è attestato a 67.503 milioni di euro (+912 milioni, pari a +1,4%) «trainato dalla dinamica favorevole delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente del settore pubblico e redditi da pensione (+3,9%) legata agli effetti dei conguagli fiscali».

In calo l’Ires: gettito di 1.575 milioni (-187 milioni, pari a -10,6 per cento). Il ministero afferma che l’andamento delle imposte sostitutive sui redditi da capitale è sostenuto principalmente dall’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nonché ritenute su interessi e altri redditi di capitale (+667 milioni), dall’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+793 milioni) e dall’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (+440 milioni di euro). La crescita marcata riflette in particolare gli effetti del nuovo regime di tassazione.
Per quanto riguarda la componente contributiva, gli incassi registrati nei primi cinque mesi del 2013 si sono attestati a quota 89.061 milioni di euro, con una flessione dell’1,2 per cento rispetto allo stesso periodo del 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *