Lavoro

DURC in caso di certificazione crediti verso la PA: istruzioni INAIL

DURC in caso di certificazione crediti verso la PA: istruzioni INAIL
L’INAIL interviene con chiarimenti operativi inerenti il rilascio del DURC anche in presenza di una certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto

L’INAIL, con la circolare n. 53 dell’11/11/2013, interviene con chiarimenti operativi inerenti il rilascio del DURC anche in presenza di una certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto.

In particolare, l’INAIL ricorda le recenti disposizioni in materia di certificazione e compensazione dei crediti vantati dai fornitori di beni e servizi nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche (decreto-legge n. 52/2012) laddove è stato disposto che il DURC è rilasciato anche in presenza di una certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle PA di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto.

In attuazione di detta disposizione il MEF di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali ha emanato il decreto 13 marzo 2013 con cui sono state stabilite le modalità di rilascio del DURC in presenza di una certificazione rilasciata ai sensi del D.L. n. 185/2008 alla quale ha fatto seguito il Ministero del lavoro e delle politiche sociali (circolare n. 40/2013) con i primi chiarimenti sulla materia (confermato in toto dall’Istituto assicuratore).

Esaurita la breve premessa normativa, l’INAIL fornisce le istruzioni operative per gli aspetti di competenza.Il rilascio del DURC ai sensi dell’art. 13-bis, comma 5, del D.L. n. 52/2012 presuppone che l’importo dei crediti certificati sia almeno pari all’ammontare complessivo dei debito contributivi nei confronti degli Istituti previdenziali e delle Casse edili.

Per quanto sopra, ognuna delle strutture territoriali di INAIL, INPS e Casse Edili coinvolte nell’istruttoria per il rilascio del DURC deve necessariamente acquisire tramite Pec dalle altre due l’importo dei debiti insoluti, al fine di verificare se la loro sommatoria è almeno pari ai crediti indicati nelle certificazioni esibite.

In caso positivo, ciascuna Sede INAIL inserirà nell’apposito campo note la seguente dicitura: Regolarità rilasciata ai sensi del comma 5 dell’art. 13-bis del d.l. 7.5.2012, n. 52, conv. con modificazioni dalla legge 6.7.2012, n. 94. Importo debito Inail al xx.xx.xxxx: Euro xxx.xxx,xx. Certificazione n. xxxxxxxxxxxxxxxx del xx.xx.xxxx, rilasciata da xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx. Importo dei crediti certificati: Euro xxx.xxx,xx, data di pagamento: xx.xx.xxxx.

Ovviamente, la data di pagamento dovrà essere indicata nel DURC solo ove sia presente nella certificazione del credito.

L’istituto assicuratore invita, infine, a prestare la massima cura nella gestione dei DURC in questione, ai quali ovviamente non si applica il silenzio–assenso allo scadere del trentesimo giorno, considerato peraltro che, come precisato nella circolare ministeriale, anche detti certificati hanno validità di 120 giorni dal rilascio.

INAIL – Circolare N. 53/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *