Fisco

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze

Dichiarazione redditi: 730 o modello Unico? Scopri le differenze
La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco

La dichiarazione dei redditi è lo strumento fiscale con cui il contribuente dichiara i propri redditi e ne corrisponde i tributi al fisco. In base al D.P.R. n. 600/73, la dichiarazione redditi è un atto pubblico che può essere consultato gratuitamente.

La dichiarazione redditi può avvenire o tramite la compilazione del modello Unico o del 730. Vediamo quali sono le differenze di utilizzo.

Come funziona la dichiarazione dei redditi

La dichiarazione redditi tramite 730 nasce nel 1993 per presentare i redditi dell’anno precedente dei contribuenti. Il modello 730 ha così sostituito il vecchio 740, dal quale risulta più semplificato, oltre ad essere una procedura più celere per rimborsare le imposte a credito di dipendenti e pensionati.

Chi compila il 730
I contribuenti che utilizzano il modello 730 per la dichiarazione dei redditi sono i lavoratori dipendenti e i pensionati, che presentano la modulistica al loro datore di lavoro o all’ente che eroga la pensione. Anche i CAF, Centri di Assistenza Fiscale, possono presentare all’Agenzia delle Entrate i 730 dei soggetti che ne fanno richiesta.

Dal 2006 è consentito presentare la dichiarazione redditi anche attraverso il:

  • consulente del lavoro;
  • dottore commercialista;
  • ragioniere o perito commerciale.

Quando usare il modello Unico

Si utilizza il modello Unico, invece che il 730, quando il soggetto che deve effettuare la dichiarazione dei redditi è una persona fisica che percepisce redditi derivanti da terreni o fabbricati, redditi di partecipazione, oppure redditi di lavoro dipendente, di lavoro autonomo occasionale o continuativo, d’impresa e di pensione, con riferimenti particolari.

Il Modello Unico, o anche detto modello unificato compensativo rappresenta la modulistica usata in Italia per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche.

Il Modello Unico, sostituisce il modello 730 nei seguenti casi in cui il soggetto contribuente abbia redditi:

  • d’impresa;
  • di lavoro autonomo e sia possessore di partita IVA;
  • “diversi” non compresi tra quelli indicati nel modello 730;

Il Modello Unico è utilizzato anche nel caso in cui la persona fisica che deve effettuare la dichiarazione dei redditi:

  • abbia l’obbligo di dichiarare e versare anche tributi come l’Irap e l’Iva;
  • risieda fuori dall’Italia da almeno due anni;
  • percepisca redditi di lavoro dipendente solo da datori di lavoro non obbligati ad effettuare ritenute d’acconto;
  • abbia ottenuto delle plusvalenze dalla cessione di partecipazioni.

Tipologie di Unico
Esistono diverse tipologie di Modello Unico a seconda del tipo di contribuente che ne fa uso, di seguito indichiamo i tipi di Modello Unico:

  • Modello Unico PF e Modello Unico PF Mini – Persone Fisiche;
  • Modello Unico SC – Società di Capitali;
  • Modello Unico SP – Società di Persone;
  • Modello Unico ENC – Enti Non Commerciali;

Consigliamo a quanti debbano compilare il modello unico, di consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate alla sezione Modello Unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *