Italia

Debiti Pubblica Amministrazione, pagati 11,3 miliardi

Accelerata la macchina dei pagamenti della Pubblica Amministrazione. La conferma giunge dalla nota di aggiornamento al Def approvata ieri. Al 18 settembre 2013, dei 20 miliardi stanziati dal decreto n. 35 dell’aprile scorso per lo smaltimento dei debiti insoluti verso le imprese, ne erano stati resi disponibili 17,9 miliardi. Di questi sarebbero già giunti nelle casse dei creditori 11,3 miliardi. Pari al 63% del totale.

Un’accelerazione sensibile se confrontata con il risultato dell’ultimo monitoraggio del Tesoro. Il 4 settembre, infatti, risultavano effettuati pagamenti per 7,2 miliardi. Ma la partita sui pagamenti arretrati della Pubblica Amministrazione non finisce qui. Una tappa fondamentale sarà la ricognizione dei debiti complessivamente maturati alla data del 31 dicembre 2012 e non ancora estinti. Che, come ricorda la nota di aggiornamento, gli enti «stanno effettuando». In realtà il censimento doveva essere completato entro il 15 settembre scorso ma servirà qualche altro giorno. Quando la ricognizione sarà completata si conoscerà il dato aggiornato sui debiti ancora da smaltire. E sarà possibile quantificare le iniezioni di liquidità ulteriore da operare. Oltre ai 7,2 miliardi aggiunti sul 2013 dal Dl Imu e ai 20 già previsti per il 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *