Diritto

Corte di Giustizia: congedo matrimoniale anche alle coppie gay

Corte di Giustizia: congedo matrimoniale anche alle coppie gay
Il congedo matrimoniale deve essere concesso anche alle coppie omosessuali che abbiano contratto un Pacs. A stabilirlo è la Corte di Giustizia Europea

Il congedo matrimoniale deve essere concesso anche alle coppie omosessuali che abbiano contratto un Pacs. A stabilirlo è la Corte di Giustizia dell’Unione Europea in una sentenza destinata a fare “scuola”. E che si ripercuoterà in tutti gli Stati europei in cui il matrimonio è precluso alle coppie omosessuali e nei quali però vige il sistema dei Patti civili di solidarietà. In Italia per ora no, almeno fino a quando non sarà approvato dal Parlamento uno dei disegni di legge che vorrebbero disciplinare, con “intensità” diverse, l’unione civile tra omosessuali. La discussione sui cinque progetti di legge proseguirà a fine gennaio alla Commissione Giustizia del Senato. Nell’ultima seduta, quella del 10 dicembre, i relatori dei D.D.L. sono stati invitati a predisporre una proposta di testo unificato oppure ad indicare un testo base tra i disegni di legge proposti, entro la data del 28 gennaio 2014.

La sentenza depositata dai giudici di Lussemburgo (causa C–267/12) riguarda un cittadino francese che ha fatto causa al suo datore di lavoro (il Credite Agricole mutuel) prima della legge che in Francia ha regolamentato le nozze omosessuali. La vicenda era alla fine approdata alla Corte di Cassazione francese che a sua volta ha girato la questione alla Corte Ue. E qui gli è stato riconosciuto il diritto di usufruire del congedo matrimoniale e del premio previsto dal contratto collettivo nazionale del Credit Agricole, anche se “armato” di solo Pacs. “Infatti – hanno sentenziato i giudici – relativamente ai benefici a livello di retribuzione o di condizioni di lavoro, per esempio giorni di congedo straordinario e un premio come quello di cui trattasi nel procedimento principale, concessi in occasione della conclusione dell’unione civile del matrimonio, le persone del medesimo sesso che, non potendo contrarre matrimonio, stipulano un Pacs, si trovano in una situazione analoga a quella delle coppie che si sposano“. E addentrandosi nella giurisprudenza francese la Corte ha rilevato che questa “armonizzazione” non riguarda, come statuito dalla Corte Costituzionale, le pensioni di reversibilità. Ma certamente i giorni di congedo e il premio matrimoniale.

Del resto la Corte si era già occupata nel 2008 e nel 2010 di due casi analoghi e aveva concluso che «una normativa di uno Stato membro che conferisca benefici in termini di retribuzione o di condizioni di lavoro unicamente ai lavoratori sposati, mentre il matrimonio è legalmente possibile nel medesimo Stato membro solo tra persone di sesso diverso, crea una discriminazione diretta fondata sull’orientamento sessuale nei confronti dei lavoratori dipendenti omosessuali uniti in un Pacs che versino in una situazione analoga».
Infine per la Corte non rileva la circostanza che i Pacs non siano riservati unicamente alle coppie omosessuali: in ogni caso infatti esiste una discriminazione verso i gay che a differenza delle coppie eterosessuali non possono, in alcuni Paesi come il caso della Francia al momento dell’apertura del procedimento contro il Credit Agricole, contrarre legalmente matrimonio.

Corte di Giustizia Europea – Causa C-267/2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *