Lavoro

Contributo di perequazione: l’INPS restituisce le somme trattenute nel 2012

Contributo di perequazione: l'INPS restituisce le somme trattenute nel 2012
A seguito della pronuncia di incostituzionalità del contributo di perequazione sui trattamenti pensionistici superiori a 90.000 euro, l’INPS comunica la restituzione del contributo trattenuto nell’anno 2012 che avverrà con il cedolino di pensione del mese di febbraio 2015

Con il messaggio n. 368 del 16 gennaio 2015, l’INPS comunica che con il cedolino di pensione del febbraio 2015 saranno restituite, sui trattamenti pensionistici i cui importi risultino complessivamente superiori a 90.000 euro lordi annui, le somme trattenute nell’anno 2012 a titolo di contributo di perequazione.

La restituzione si rende necessaria a seguito della sentenza n. 116/2013 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l’illegittimità della normativa che aveva istituito il contributo di perequazione a decorrere dal 1° agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014.

Ai fini fiscali le somme in parola saranno assoggettate ai fini della tassazione Irpef applicando l’aliquota media presente in banca dati.

Nei mesi di marzo e aprile il contributo sarà restituito ai pensionati per i quali è necessario procedere preliminarmente alla verifica della certificazione fiscale dell’anno 2013, relativa agli importi di contributo di perequazione trattenuti nel 2012. Mentre le pensioni degli ex enti pubblici creditizi (categorie BANC) saranno trattate con una lavorazione dedicata da parte dell’Inps, nella misura indicata dagli Enti che hanno effettuato (a tempo debito) la trattenuta e potrà essere riferito, a seconda dei casi, a uno o più anni.

Potrebbe anche interessarti: Pensioni: «contributo di solidarietà» illegittimo

4 Commenti

  1. Buonasera

    Non sto cercando un lavoro, ma io osservatore tue notizie

    Ma ho lavorato in Italia nel periodo del 1985

    Tutte le tasse ed assicurazioni pagate legalmente

    Ora ho 54 anni

    ho inviato ritirare la mia crediti alla mia richiesta in Egitto, dove vivo ora

    all inps

    Mi ha risposto che deve aspettare fino a quando riesco a l’età di 65 anni

    Chi mi può garantire che vorrei vivere a questa età e che mi posso garantire che questo sarà il denaro nel giorno di giorni

    grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *