Italia

Confcommercio: Natale molto dimesso per 7 italiani su 10

Confcommercio: Natale molto dimesso per 7 italiani su 10
Il Natale alle porte sarà, anche quest’anno, all’insegna dell’austerità. Per più di sette italiani su dieci il Natale 2014 sarà «molto dimesso». A lanciare l’allarme è Confcommercio in occasione di una conferenza stampa sui consumi natalizi

Consumi in calo e Natale dimesso. Sono le previsioni di Confcommercio secondo cui per il 72,7% degli italiani il Natale sarà “molto dimesso” anche se l’85,2% continuerà a mettere regali sotto l’albero. A preoccupare sono soprattutto le imposte con la Tasi che si “mangia le tredicesime” facendo scendere i consumi per famiglia a prezzi costanti dai 1.329 euro del 2013 a 1.288 euro con una contrazione del 3,1%.

Secondo l’ufficio studi dell’associazione dei commercianti, quest’anno la tredicesima netta di dipendenti e pensionati aumenta dello 0,9% passando da 38,9 miliardi di euro del 2013 a 39,2 miliardi, ma tale incremento viene vanificato dalle tasse che a dicembre crescono, soprattutto per il pagamento della Tasi, del 18% passando da 8,1 miliardi dello scorso anno a 9,5 miliardi. Il saldo di tali differenze si traduce in una tredicesima disponibile per consumi inferiore del 3,6%, in calo da 30,8 a 29,7 miliardi.

Per il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli “redditi al palo, fiducia in calo, ripresa incerta e faticosa con tasse ancora troppo alte rischiano di congelare i consumi anche per questo Natale. Le tasse – ha spiegato – neutralizzano gli effetti positivi dei bonus da 80 euro e la crescita della tredicesima. Le tasse sottraggono a dicembre 1,4 miliardi di potenziali acquisti”. Il presidente della Confcommercio ha poi ribadito che è “necessaria una coraggiosa operazione di fiducia per ridurre le tasse e dare ossigeno ai consumi perché se ripartono i consumi riparte anche il Paese”.

La situazione, però, resta difficile. A ottobre i consumi, infatti, segnano una variazione nulla rispetto al mese precedente e un calo tendenziale dello 0,5% rispetto allo scorso anno. E’ quanto rileva l’indicatore dei consumi Confcommercio (Icc). Secondo l’ufficio studi la stasi rilevata negli ultimi cinque mesi segnala l’assenza di veri sintomi di ripresa della domanda delle famiglie i cui livelli sono ancora del 12% inferiori rispetto alla fine del 2007. Insomma, la fase di recessione-stagnazione che ha caratterizzato gran parte del 2014 non sembra destinata a mutare radicalmente nei prossimi mesi, stante la debolezza di tanti indicatori congiunturali, alcuni dei quali segnalano un peggioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *