Italia

Concorsone scuola: proclamati 8.303 vincitori, 3.255 già immessi in ruolo

Concorsone scuola: proclamati 8.303 vincitori, 3.255 già immessi in ruolo
A fronte di 11.542 posti messi a bando con il “concorsone”, sono stati finora proclamati vincitori 8.303 docenti. Di questi, 3.255 sono stati immessi in ruolo

Donna, over 35 e già iscritta in una graduatoria a esaurimento. È l’identikit del vincitore “tipo” dell’ultimo concorso a cattedra. A rivelarlo è il Miur in quella che il Ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, ha ribattezzato «operazione trasparenza». A fronte di 11.542 posti messi a bando con il “concorsone” voluto dall’ex titolare di Viale Trastevere, Francesco Profumo, sono stati finora proclamati vincitori 8.303 docenti. Di questi, 3.255 sono stati immessi in ruolo ad agosto dopo il via libera da parte del Consiglio dei Ministri a 11.268 assunzioni. All’appello, dunque, mancano circa 3mila docenti. E ciò perché in Toscana, Lazio, Sicilia, Calabria e Veneto le commissioni d’esame sono ancora al lavoro.

L’identikit dei vincitori. Nel dettaglio le donne rappresentano l’80,9% (6.721) dei vincitori del concorso. Gli over 35 sono il 51% (4.238), gli under 30 sono invece il 9,5% (795). Su 8.303 vincitori, 5.733 (pari al 69%) risultano essere iscritti in una graduatoria ad esaurimento, 1.290 sono i laureati fino al 2002, 66 sono presenti in seconda fascia e 1.290 sono in terza fascia nelle graduatorie di istituto.

Le immissioni in ruolo. Includendo nel computo anche i risultati delle selezioni precedenti, su 10.711 nomine totali assegnate ad agosto 4.089 sono andate a chi ha vinto un concorso (quello del 2012 e quelli passati). I rimanenti posti sono andati a docenti presenti nelle graduatorie ad esaurimento (Gae). La mancata proporzione del 50% prevista dalla legge (metà assunzioni da concorso e metà da graduatorie ad esaurimento) è stata spiegata dal Miur con il fatto che il “concorsone” del 2012 non è stato bandito su tutte le classi di concorso e che, per alcune di esse, non ha interessato tutte le Regioni. Ad esempio non si è potuto concorrere per materie come Strumento Musicale per la scuola secondaria di primo grado, Storia dell’Arte per il secondo grado, Lingua e Letteratura Spagnola, Tecnologia e Disegno Tecnico, Topografia, Zootecnia. Al tempo stesso non sono stati banditi posti per Matematica per la secondaria di primo grado in Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Molise e Umbria perché mancava il numero minimo di disponibilità.

I risultati delle prove. L’«operazione trasparenza» di Viale Trastevere è completata dalla diffusione di una serie di numeri sull’andamento della selezione. Più nel dettaglio, dalle tabelle allegate dal Ministero, risulta che dei 326.459 candidati ammessi alle prove di preselezione svolte lo scorso dicembre, 108.440 (il 33,2%) appartenevano alle Gae mentre i rimanenti 218.019 (66,7%) si dividevano in docenti presenti nelle graduatorie di istituto (abilitati e non) e laureati entro il 2002 a cui è stata data la possibilità di tentare l’ingresso nella scuola. Nel complesso la preselezione è stata superata da 94.814 docenti, di cui 34.823 iscritti nelle graduatorie ad esaurimento e 59.991 esterni. Più brillante la performance degli iscritti in graduatoria: il 32,1% ha superato il primo step. Fra gli esterni è passato il 27,5%. Un trend confermato agli scritti: sono stati superati da 22.607 candidati di cui 10.888 iscritti in graduatoria (il 31,2%) e 11.719 esterni (pari al 19,5%).

I vincitori del concorsone Regione per Regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *