Fisco

Compensazione credito d’imposta enti previdenziali: pronto il codice tributo

Compensazione credito d'imposta enti previdenziali: pronto il codice tributo
L’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6846 per la compensazione del credito d’imposta, introdotto dal D.L. n. 66/2014, riferito ai redditi di capitale percepiti dagli enti previdenziali di diritto privato

L’Agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 115/E del 16 dicembre 2014, ha istituito il codice tributo per la compensazione del credito d’imposta, introdotto dal D.L. n. 66/2014, riferito ai redditi di capitale percepiti dagli enti previdenziali di diritto privato.

In particolare, l’articolo 4, comma 6-bis, del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, dispone che “In attesa di armonizzare, a decorrere dal 2015, la disciplina di tassazione dei redditi di natura finanziaria degli enti previdenziali di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, con quella relativa alle forme pensionistiche e complementari di cui al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, a tali enti è riconosciuto un credito d’imposta pari alla differenza tra l’ammontare delle ritenute e imposte sostitutive applicate nella misura del 26 per cento sui redditi di natura finanziaria relativi al periodo dal 1° luglio al 31 dicembre 2014, dichiarate e certificate dai soggetti intermediari o dichiarate dagli enti medesimi e l’ammontare di tali ritenute e imposte sostitutive computate nella misura del 20 per cento”.

Il citato comma 6-bis dell’articolo 4 stabilisce, inoltre, che il predetto credito d’imposta:

  • “va indicato nella dichiarazione dei redditi per il 2014”;
  • “non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive”;
  • “non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”;
  • “può essere utilizzato a decorrere dal 1° gennaio 2015 esclusivamente in compensazione, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;

Infine, “Al credito d’imposta non si applicano i limiti di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388.”

Per consentire l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta in argomento, tramite il modello F24, nei limiti, termini e condizioni previsti dalla norma, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6846”, denominato “Credito d’imposta a favore degli enti previdenziali, ai sensi dell’art. 4, c. 6-bis, D. L. n. 66/2014”.

Agenzia delle Entrate – Risoluzione N. 115/E/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *