Lavoro

Cigs: ambito di applicazione per le imprese soggette a procedure concorsuali

Cigs: ambito di applicazione per le imprese soggette a procedure concorsuali
Un’impresa soggetta a procedura concorsuale, con prosecuzione anche parziale dell’attività, può richiedere il trattamento straordinario di integrazione salariale anche in un momento successivo alla data di ammissione o sottoposizione ad una delle procedure concorsuali

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n. 4 del 2 marzo 2015, chiarisce che un’impresa soggetta a procedura concorsuale, con prosecuzione anche parziale dell’attività, possa richiedere il trattamento straordinario di integrazione salariale in un periodo successivo alla data di ammissione o sottoposizione alla procedura stessa.

In particolare, ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge n. 223/91, la Cigs viene concessa anche ai lavoratori delle seguenti imprese:

  • dichiarate fallite;
  • in liquidazione coatta amministrativa;
  • in amministrazione straordinaria;
  • in concordato preventivo consistente nella cessione dei beni;

purchè ci sia una prospettiva di continuazione o ripresa dell’attività che mantenga, anche parzialmente, i livelli occupazionali secondo i parametri oggettivi dettati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il trattamento, che deve essere richiesto dal curatore, dal liquidatore o dal commissario, può essere concesso per una durata non superiore a dodici mesi.

E’ prassi del Ministero in effetti, far decorrere la fruizione del trattamento alla data in cui interviene il provvedimento formale di ammissione o sottoposizione ad una delle procedure concorsuali. Questo provocherebbe un danno all’azienda che si troverebbe così a non poter soddisfare le commesse o ad evadere gli ordini eventualmente già acquisiti. Ritenuto che l’azienda può quindi trovare più conveniente in questa fase, utilizzare altri tipi di ammortizzatori sociali, il Ministero, conclude la circolare affermando che: “un’impresa soggetta a procedura concorsuale, con prosecuzione anche parziale dell’attività, possa richiedere il trattamento straordinario di integrazione salariale anche in un momento successivo alla data di ammissione o sottoposizione ad una delle procedure concorsuali”.

Ministero del Lavoro – Circolare N. 4/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *