Lavoro

CIG in deroga anche per gli studi professionali

CIG in deroga anche per gli studi professionali
Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di Confprofessioni contro l’esclusione dei professionisti dagli ammortizzatori sociali. Palazzo Spada: convincenti le argomentazioni di Confprofessioni, discriminati gli studi professionali

Si riapre la partita sugli ammortizzatori sociali in deroga negli studi professionali. Con l’ordinanza n. 1108 depositata l’11 marzo 2015, la sesta sezione del Consiglio di Stato ha accolto l’appello cautelare presentato da Confprofessioni, sospendendo l’esecuzione dell’ordinanza del Tar Lazio che aveva confermato l’esclusione dei dipendenti degli studi professionali dalla Cig in deroga, contenuta nel decreto ministeriale del 1° agosto 2014, respingendo l’istanza di sospensiva chiesta da Confprofessioni.

I giudici di Palazzo Spada hanno invece ritenuto «convincenti le argomentazioni» presentate nel ricorso da Confprofessioni, «soprattutto con riguardo alle disposizioni contenute del decreto interministeriale del 1° agosto 2014, nella parte in cui esclude gli studi professionali dal trattamento di Cig in deroga», sottolineando la «discriminazione operata nei confronti della categoria dei liberi professionisti e del personale che lavora presso di loro, tenuto conto dei vincoli comunitari in materia di definizione di impresa».

I giudici amministrativi hanno infatti condiviso la tesi di Confprofessioni, secondo la quale il decreto interministeriale, nel restringere i beneficiari della cassa in deroga solo agli imprenditori definiti in base all’articolo 2082 del codice civile, non ha «tenuto conto dei vincoli comunitari in materia di definizione di impresa». La mancata sospensiva del decreto 1° agosto, aveva sostenuto la Confederazione innanzi al Tar Lazio, avrebbe comportato «l’effettiva e grave compromissione della attività economica del comparto in questione e dei livelli occupazionali da questi assicurati». Motivazione sufficiente al Consiglio di Stato per ribaltare l’ordinanza del Tar Lazio, chiamata ora ad affrontare le questioni di merito relative al decreto del 1° agosto 2014 e all’esclusione degli studi professionali dalla platea dei beneficiari della Cig in deroga.

Il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, ha espresso grande soddisfazione davanti alla decisione dei giudici di Palazzo Spada: «Chiederemo al Ministero del Lavoro di dare esecuzione all’ordinanza del Consiglio di Stato e di cancellare la discriminazione dei liberi professionisti rispetto al beneficio della cassa in deroga, per salvaguardare i livelli occupazionali degli studi». Ancor più rilevante, secondo il numero uno della Confederazione, l’accento posto dai giudici sulla definizione comunitaria di impresa che supera l’articolo 2082 del codice civile e che, in prospettiva, apre la strada delle risorse comunitarie anche agli studi professionali.

Consiglio di Stato – Ordinanza N. 1108/2015

Potrebbe anche interessarti: CIG in deroga agli studi professionali: spiragli dal Consiglio di Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *