Lavoro

Chiarimenti dall’INPS sulle operazioni di salvaguardia pensionistica

Ancora chiarimenti dall’INPS sulle operazioni di salvaguardia pensionistica
L’INPS fornisce ulteriori chiarimenti in merito alle nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (c.d. sesta salvaguardia)

Facendo seguito al messaggio n. 8881 del 19 novembre 2014 con cui si sono fissati i punti salienti della legge 10 ottobre 2014, n. 147 relativa alle nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (c.d. sesta salvaguardia), l’INPS ha voluto fare ulteriori precisazioni con il messaggio n. 9305 del 2 dicembre 2014.

Per quanto riguarda le modalità operative per l’erogazione del contributo, l’INPS, verificata la sussistenza dei requisiti e delle condizioni previste dalle singole norme di salvaguardia invia a ciascun soggetto beneficiario una lettera che certifica il diritto ad accedere al trattamento pensionistico secondo le regole vigenti prima dell’entrata in vigore del predetto decreto legge, specificando, sulla base delle norme che regolano le c.d. “finestre di accesso”, la prima decorrenza utile per ottenere la pensione. Quindi, i soggetti in possesso della lettera certificativa, possono presentare la domanda di pensione in salvaguardia in qualsiasi momento successivo all’apertura della finestra al pari di tutti gli altri assicurati.

Inoltre si evidenzia ancora una volta, che ai soggetti che, avendo presentato alla competente D.T.L. domanda di accesso alla salvaguardia di cui all’art. 11-bis della legge n. 124 del 2013 (c.d. quarta salvaguardia), sono in possesso di un provvedimento di accoglimento della stessa D.T.L., ma non hanno ricevuto la certificazione del diritto alla salvaguardia poichè esclusi dal contingente numerico, viene concesso di non presentare una nuova domanda per la c.d. sesta salvaguardia. Sarà l’Istituto a provvedere d’ufficio al monitoraggio delle domande ed alla certificazione del diritto.
I soggetti però, che non hanno presentato domanda di accesso alla c.d. quarta salvaguardia alla competente D.T.L. ovvero che, pur avendo presentato domanda, non hanno ricevuto un provvedimento di accoglimento da parte della stessa D.T.L., devono presentare domanda di accesso alla c.d. sesta salvaguardia alla competente D.T.L. entro il 5 gennaio 2015.

Potrebbe anche interessarti:

Sesta salvaguardia esodati: chiarimenti dall’INPS
Esodati, sesta salvaguardia: presentazione delle domande entro il 5 gennaio
Esodati, sesta salvaguardia: online i servizi di acquisizione delle domande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *