Lavoro

Certificato di agibilità: dal 1° giugno 2015 nuova procedura telematica

Certificato di agibilità: dal 1° giugno 2015 nuova procedura telematica
L’INPS comunica il rilascio di una nuova versione della procedura telematica per la richiesta del certificato di agibilità con riferimento ai servizi ex Enpals per Imprese, Consulenti e Professionisti

Con il messaggio n. 3575 del 27 maggio 2015, l’INPS comunica il rilascio di una nuova versione della procedura telematica per la richiesta del certificato di agibilità con riferimento ai servizi ex Enpals per Imprese, Consulenti e Professionisti. Con specifico riferimento alle imprese del settore dello spettacolo, vengono fornite indicazioni in merito al rilascio della procedura telematica per la richiesta e la conseguente emissione on-line del certificato di agibilità, adeguata alla luce dell’avvenuta estensione del sistema di identificazione delle suddette imprese in base alla matricola INPS.

Il principale adeguamento della procedura per la richiesta del certificato di agibilità riguarda la visualizzazione delle posizioni contributive (Matricole INPS) riferite al codice fiscale dell’impresa, utilizzato per accedere al servizio.
Sulla base dell’elenco delle posizioni contributive visualizzato per l’impresa, la richiesta di un nuovo certificato di agibilità, la modifica (ove ricorrano le condizioni) o la visualizzazione di una richiesta già inserita, verrà effettuata selezionando la “Matricola” sulla quale si intende operare e non più le posizioni identificate con “Codice Gruppo” e “Numero Attività”, alla luce del venir meno della prassi precedentemente in uso di articolare gli adempimenti sulla base dell’attività di impresa.

Gli adeguamenti realizzati sono stati introdotti al fine di gestire, in termini di operatività, le diverse esigenze dell’impresa legate alle sue specifiche caratteristiche.
In particolare, a fronte di una richiesta di agibilità, l’impresa potrà procedere indifferentemente all’inserimento preliminare dei “Lavoratori” oppure delle “Occupazioni”, quindi procedere con l’associazione dei lavoratori alle occupazioni, cui si riferiscono le prestazioni lavorative, avendo cura di indicare la retribuzione giornaliera e la qualifica professionale rivestita dal lavoratore.
Per la singola occupazione, la retribuzione giornaliera indicata e la qualifica rivestita dal lavoratore dovranno essere le medesime in ogni giorno di svolgimento della prestazione.
Nell’ipotesi in cui, viceversa, siano state pattuite retribuzioni diverse e/o il lavoratore debba rivestire diverse qualifiche nelle singole giornate, dovranno essere aperte singole “Occupazioni”, ognuna delle quali caratterizzata da univocità con riferimento sia alla retribuzione giornaliera sia alla qualifica rivestita.
Inoltre, ai fini della compilazione della richiesta del certificato di agibilità, la medesima deve essere effettuata in relazione alla singola “occupazione” svolta e le date di svolgimento della prestazione lavorativa devono essere indicate in modo puntuale.
In particolare, nel caso in cui i giorni della prestazione lavorativa siano contigui, sarà sufficiente precisare la data iniziale e finale della prestazione, intendendo in tal modo che si tratta di giorni consecutivi di prestazione.
Viceversa, nell’ipotesi in cui le giornate lavorative non si susseguano tra loro, le medesime andranno specificate singolarmente, con l’inserimento di distinti periodi.

In considerazione delle peculiari modalità di svolgimento dei rapporti di lavoro nel settore dello spettacolo e dell’esigenza di provvedere tempestivamente alla richiesta del certificato di agibilità, la cui acquisizione potrebbe essere necessaria in tempi molto ristretti e celeri, è stata implementata una nuova funzionalità nell’ambito della procedura on-line in esame che consente al lavoratore espressamente delegato dal proprio datore di lavoro o committente di richiedere per se stesso il certificato.
In particolare, il datore di lavoro nei confronti del quale sussiste l’obbligo di effettuare la richiesta del certificato di agibilità in relazione al lavoratore dello spettacolo e in capo al quale rimane sia l’obbligo medesimo sia la responsabilità dell’adempimento, previo rilascio al lavoratore di una specifica delega e di una dichiarazione di responsabilità all’Istituto, può abilitare singoli lavoratori ad effettuare la richiesta di agibilità per se stessi.
La nuova funzione consente l’inserimento da parte del datore di lavoro del lavoratore delegato in un elenco di lavoratori abilitati, associati alla matricola azienda.
Il lavoratore abilitato potrà esclusivamente inserire richieste di agibilità riferite a proprie prestazioni lavorative, mentre non potrà eliminare o modificare le richieste già inserite.
Viceversa, solo il datore di lavoro potrà disabilitare lavoratori precedentemente inseriti nella lista, modificare o eliminare richieste di agibilità effettuate da lavoratori abilitati e visualizzare agibilità riferite ad altri utenti.
Per l’accesso al servizio, il lavoratore dovrà preventivamente inserire la matricola del datore di lavoro; l’accesso sarà subordinato al controllo, effettuato dalla procedura, dell’abilitazione del lavoratore all’inserimento delle richieste di agibilità secondo le limitazioni suddette.
Tale funzionalità può essere resa disponibile, con le stesse modalità e limiti, anche per i soci lavoratori di società.

Fermo restando che ai fini contributivi tutti gli adempimenti fanno riferimento alla posizione contributiva (matricola) dell’impresa, e che la verifica di regolarità contributiva preliminare al rilascio del certificato di agibilità riguarda la posizione aziendale nel sua interezza, le imprese che avessero l’esigenza di raggruppare le richieste di agibilità secondo criteri di omogeneità dei lavoratori, possono indicare, in fase di inserimento della suddetta richiesta, l’informazione riferita all’Unità operativa, tra quelle censite per la posizione contributiva (matricola) dell’impresa.
Per “Unità operativa” si intende il luogo ove viene svolta in maniera stabile l’attività lavorativa di uno o più dipendenti.
Tali “Unità operative” dovranno preventivamente essere censite tramite la apposita procedura telematica “Comunicazione unità operativa/Accentramento contr.” esposta accedendo alla voce “Iscrizione e Variazione Azienda” presente nel menu di sinistra della pagina del Portale “Servizi per le Aziende e Consulenti”.
Nel Flusso Uniemens, l’informazione dell’Unità operativa viene raccolta a livello di “DenunciaIndividuale” del lavoratore occupato in quella specifica Unità operativa.

Per consentire all’impresa di poter disporre di uno strumento flessibile di gestione delle richieste di agibilità inserite si è introdotta una nuova funzionalità che consente di esportare in formato excel le suddette richieste, filtrate secondo i criteri di estrazione scelti tra quelli resi disponibili. Le liste riporteranno con i dati riepilogativi della richiesta, il dettaglio delle Occupazioni e dei Lavoratori con la relativa qualifica e retribuzione giornaliera.

Le eventuali variazioni del certificato di agibilità effettuate dopo lo svolgimento della prestazione lavorativa potranno essere eseguite non oltre cinque giorni dall’evento, solo se dovute a causa di forza maggiore e a condizione che sia fornita idonea documentazione della predetta circostanza.
La comunicazione della circostanza posta a fondamento della variazione dovrà avvenire attraverso il Cassetto previdenziale aziende, indicando nell’oggetto il numero dell’agibilità che si intende variare.
A tal fine, le aziende dovranno allegare alla comunicazione la documentazione probante della causa di forza maggiore che legittimi la variazione, in formato .pdf.

Esempio:
Si supponga essere la data corrente il 12 maggio e di avere richiesto un certificato di agibilità con un’occupazione per il periodo dal 5 al 10 maggio con due lavoratori.
Si verifichi, inoltre, la circostanza per cui un lavoratore il giorno 9 maggio non abbia potuto effettuare la sua prestazione di lavoro.
Il datore di lavoro potrà procedere alla modifica dell’occupazione in quanto il giorno 9 maggio rientra nei limiti dei 5 giorni dalla data corrente.
La procedura di variazione in modo automatico provvederà a proporre una prima occupazione con periodo dal 5 al 8 maggio con i due lavoratori ed una seconda occupazione, in modalità variazione, dal 9 al 10 maggio, sulla quale il datore di lavoro sarà abilitato ad operare.

All’atto della richiesta, la procedura telematica effettua il controllo in ordine alla regolarità degli adempimenti contributivi dell’impresa.
La suddetta regolarità contributiva viene effettuata a livello di Codice Fiscale dell’Azienda, pertanto concerne tutte le posizioni contributive aperte dall’impresa eventualmente anche su Gestioni diverse.
Qualora dovesse essere verificata la sussistenza di debiti contributivi accertati contabilmente, la procedura inibisce l’emissione del certificato di agibilità, che potrà essere rilasciato solo a seguito della regolarizzazione, anche attraverso la dilazione in forma rateale, dei predetti debiti contributivi ovvero della produzione di idonea garanzia, nella forma di fideiussione bancaria o assicurativa, di importo pari all’ammontare dei debiti medesimi.
Il rilascio del certificato di agibilità non è inibito dalla procedura qualora detti debiti contributivi siano già interessati da un piano di dilazione di pagamento in forma rateale; allo stesso modo, il certificato sarà rilasciato anche nel caso in cui i debiti accertati siano oggetto di contenzioso in sede amministrativa ovvero giudiziale, oppure siano stati oggetto di disposizioni legislative di sospensione dei pagamenti ed, infine, qualora affidati all’AdR per la riscossione coattiva, in relazione agli stessi sia stato emesso un provvedimento di sospensione della riscossione.

Il servizio di Richiesta del Certificato di Agibilità erogato tramite la nuova procedura telematica sarà disponibile sul Sito INPS nell’ambito dei “Servizi per le Aziende e Consulenti” della sezione “Servizi On Line”, a partire dal 1° giugno 2015.
Il Sevizio potrà essere raggiunto attraverso il percorso:
– “Servizi on line > Per tipologia di utente > Aziende, Consulenti e Professionisti”
oppure in alternativa:
“Servizi on line > Elenco di tutti i Servizi > Servizi per le aziende e consulenti”
previa identificazione tramite PIN INPS con profilo Aziende, Consulenti e Professionisti.
La nuova procedura telematica sarà disponibile selezionando, nel menu di sinistra della pagina del Portale “Servizi per le Aziende e Consulenti”, la voce “Servizi Settore Sport e Spettacolo” e quindi direttamente la voce di sottomenù “Richiesta Agibilità”.
Le comunicazioni delle eventuali variazioni del certificato di agibilità e della relativa documentazione probante delle circostanze che legittimano tali variazioni vanno inoltrate attraverso la funzione “Contatti” del Cassetto previdenziale Aziende, accessibile dai “Servizi per aziende e consulenti”.

Con riferimento alle modalità di accesso per singoli utenti (lavoratori abilitati dal datore di lavoro), la richiesta potrà essere effettuata accedendo al servizio sul Portale INPS da:
– “Servizi on line > Servizi per il cittadino” utilizzando il proprio PIN personale (profilo cittadino).
Nell’elenco dei servizi disponibili verrà esposta la voce: “Richiesta agibilità per lavoratori dello Spettacolo abilitati”.
Il servizio sarà attivo 24 ore su 24 tutti i giorni della settimana.
Il lavoratore abilitato che non avesse richiesto ancora un PIN INPS per l’accesso ai servizi telematizzati, può richiederlo direttamente tramite l’apposita funzione esposta sul Portale INPS.

Inps – Messaggio N. 3575/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *