Diritto

Cassazione: i versamenti di previdenza complementare non concorrono alla formazione del TFR

Le somme accantonate al fondo di previdenza complementare hanno natura contributiva, e come tali non possono concorrere alla formazione del TFR
Le somme accantonate al fondo di previdenza complementare hanno natura contributiva, e come tali non possono concorrere alla formazione del TFR

Il trattamento di fine rapporto (TFR) è una somma dovuta dal datore al lavoratore subordinato, calcolata proporzionalmente al periodo di impiego. Essa ha natura retributiva (calcolata cioè sulla base degli stipendi percepiti) e consiste in un accantonamento periodico effettuato dal datore di lavoro e dovuto al dipendente in caso di cessazione, a qualsiasi titolo, del rapporto di lavoro subordinato. In alcuni casi, espressamente previsti per legge (art. 2120 del codice civile) il lavoratore può chiedere un anticipo del TFR nella misura massima del 70% della quota accantonata al momento della presentazione della domanda.

La previdenza complementare invece è un istituto con caratteristiche completamente diverse. Diverse aziende istituiscono esse stesse fondi pensione o si affidano a gestori di fondi pensione integrativa al fine di garantire un sussidio ulteriore al lavoratore che raggiunge i requisiti pensionistici. Essa ha natura contributivo – previdenziale (calcolata cioè sui contributi effettivamente versati) e non retributiva e, proprio per questo motivo, non concorre alla formazione del TFR.

La Cassazione (sentenza n. 8228/2013) interviene appunto per negare l’imputazione dei versamenti effettuati dal datore di lavoro a favore del dipendente a titolo di accantonamento al fondo di previdenza integrativa. Tale materia, oltre che dal codice civile, è regolata in parte dai contratti collettivi nazionali, i quali stabiliscono determinate percentuali di versamento a carico del lavoratore e dell’azienda. In conclusione, le caratteristiche intrinseche dell’atto – versamento da parte del datore di lavoro di quota a titolo di contributo previdenziale integrativo – escludono decisamente che gli importi incrementati possano andare ad aumentare la somma accantonata come TFR.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 8228/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *