Diritto

Cassazione: confermata condanna ad un avvocato a 8 mesi di reclusione per dichiarazione infedele

Cassazione: confermata condanna ad un avvocato a 8 mesi di reclusione per dichiarazione infedele
La Corte di Cassazione ha confermato la condanna ad otto mesi di reclusione per dichiarazione infedele a carico di un avvocato accusato di aver ricevuto su conto estero la parte più consistente del pagamento della sua prestazione professionale

Un avvocato è stato accusato di aver ricevuto in via non ufficiale su conto estero la parte più consistente (pari a 13,5 milioni di euro) del pagamento di una prestazione professionale e fatto emettere allo studio professionale la fattura relativa a una parte soltanto (pari a 1,5 milioni di euro) del compenso pattuito con la cliente.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24816 del 6 giugno 2013, ha confermato la condanna ad otto mesi di reclusione per dichiarazione infedele a carico di un avvocato per il reato previsto dall’art. 4 del D.lgs. 10 marzo 2000, n. 74, sospesi con la condizionale in quanto incensurato, in relazione alla frode fiscale aggravata dalla sua professione.
Il professionista ha presentato ricorso contro la decisione della Corte d’Appello di Milano anche in relazione alla mancata applicazione delle attenuanti generiche.

Ma ad avviso degli Ermellini la valutazione di gravità delle condotte, in quanto collegata anche alla natura “fraudolenta” delle stesse, è stata oggetto di specifica e non illogica motivazione da parte della Corte d’Appello. I giudici di merito non hanno preso in esame il solo elemento del ricorso a sottofatturazione, ma hanno sottolineato il complessivo meccanismo di frode posta in essere dall’imputato e caratterizzato sia dal trasferimento delle somme di denaro “estero su estero” sia dallo schermo costituito dalla riferibilità a un noto studio professionale associato della fattura emessa e della relativa operazione contabile.

In più son state considerate tanto la complessiva gravità del fatto, quanto, in tema di applicazione dell’art. 62-bis c. p., la qualificazione professionale dell’imputato e i doveri che a questa si collegano, nonché l’entità dell’importo sottratto a imposizione tributaria.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 24816/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *