Italia

Casa, cancellata l’Imu dal 2014, arriva la service tax (o Taser)

Abolita l'Imu dal 2013 partirà la nuova Taser, agevolazioni su credito e mutui per l'acquisto della prima casa, piano lavoro per esodati e rifinanziamenti cig
Abolita l’Imu dal 2013 partirà la nuova Taser, agevolazioni su credito e mutui per l’acquisto della prima casa, piano lavoro per esodati e rifinanziamenti cig

Dall’Imu che va in soffitta (ma dal 2014 scatterà la service tax per finanziare i servizi comunali, raccolta dei rifiuti compresa) al piano casa da 4,4 miliardi che vede la Cassa depositi e prestiti in campo come garante nella concessione da parte delle banche di nuovi mutui per l’acquisto della prima casa, ai 500 milioni per rifinanziare la cassa integrazione in deroga, al plafond da 700 milioni per garantire una risposta strutturale a 6.500 esodati: sono alcune delle misure approvate dal Consiglio dei Ministri.

Casa, cancellata l’Imu dal 2014, arriva la service tax (o Taser). L’Imu verrà cancellata e dal 2014 «non ci sarà più come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi», spiega il premier Letta, ma, al suo posto, la service tax, che verrà ufficializzata nell’ambito della legge di stabilità e che, promette Letta, «non sarà un Imu mascherata». La nuova tassa, che si chiamerà “Taser“, sarà divisa in due parti: la prima per coprire il costo della raccolta dei rifiuti (che si paga in base ai metri quadrati) e la seconda per i servizi indivisibili pagata dagli occupanti dell’immobile. Per quanto riguarda l’Imu 2013, viene cancellata la prima rata su prime case e terreni agricoli spostata a settembre e si punta a coprire, entro metà ottobre, la cancellazione della rata di dicembre per queste fattispecie (attraverso un provvedimento nell’ambito della legge di stabilità). Per finanziare la cancellazione della prima rata dell’Imu sulla prima casa, il governo accelera sui rimborsi alle aziende, per ottenere dal maggior gettito Iva atteso i fondi per le coperture necessarie (subito 10 miliardi). Resteremo sotto il limite del 3% del deficit Pil, assicura Letta.

Imprese, deducibilità dell’Imu. Il nuovo balzello, che è stato chiamato Taser e che debutterà nel 2014, prenderà forma solo nella legge di Stabilità, e sarà finalizzato a finanziare i servizi comunali, compresa la raccolta dei rifiuti. E solo con questa riforma arriverà per le imprese l’attesa deducibilità dell’imposta sui beni strumentali, come i capannoni, o sui locali utilizzati dagli enti no profit.

Casa, coinvolgimento della Cassa depositi e prestiti per rilancio mutui prima casa. Cassa depositi e prestiti mette a disposizione delle banche oltre 2 miliardi per l’erogazione di nuovi mutui per l’acquisto della prima casa. Obiettivo del Governo è favorire, attraverso la garanzia data alla banche da Cassa depositi e prestiti, la ripresa del credito per l’acquisto della prima casa. Cassa depositi e prestiti può inoltre acquistare obbligazioni bancarie nell’ambito di operazioni di cartolarizzazione di crediti derivanti da mutui garantiti da ipoteca su immobili residenziali, liberando l’attivo delle banche che possono così erogare nuovi mutui alle famiglie per l’acquisto di abitazioni principali. Inoltre, attraverso il rifinanziamento di fondi già esistenti e la creazione di un nuovo fondo presso il Ministero delle Infrastrutture, vengono destinati 200 milioni per rendere più sostenibili gli oneri del mutuo e dell’affitto. In dettaglio, 40 milioni vanno al Fondo per la sospensione per 18 mesi delle rate di mutuo; 60 milioni al Fondo di garanzia per i mutui a favore dei giovani (coppie, monogenitori, lavoratori atipici); 60 milioni al Fondo che eroga contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione; 40 milioni al Fondo di copertura della morosità incolpevole a favore cioè delle famiglie che non pagano l’affitto a causa di perdita del lavoro, messa in mobilità o in cig, chiusura dell’attività, malattia. Infine, il piano casa prevede la proroga di 3 anni per l’attuazione dei programmi di edilizia residenziale mantenendo l’imposta di registro ridotta all’1% al posto della misura ordinaria dell’8%.

Casa, piano da 4 miliardi per sostenere mutui e alloggi sociali. L’Esecutivo mette in campo un piano da 4,4 miliardi di euro, di cui 4 miliardi a carico della Cassa depositi e prestiti e 400 milioni di interventi sociali, in particolare un fondo specifico per i mutui per l’acquisto della prima casa per giovani coppie e lavoratori atipici sotto i 35 anni.

Casa, esclusi dall’applicazione Imu gli invenduti. Vengono esclusi dall’applicazione dell’Imu i fabbricati invenduti e vengono assimilati al trattamento Imu prima casa le case popolari e delle cooperative edilizie a proprietà indivisa. Dal 2014 l’Imu prima casa vale anche per gli alloggi sociali. L’incentivo attiva gli investimenti in alloggi sociali tramite le risorse attualmente disponibili presso il Fondo investimenti per l’abitare (Fia), riservato a investitori qualificati promosso e gestito da Cassa depositi e prestiti con lo scopo di incrementare l’offerta abitativa in alloggi sociali, che attualmente ha una disponibilità di circa 2 miliardi di euro, in grado di attivare ulteriori investimenti per altri 2 miliardi.

Lavoro, 500 milioni per rifinanziare la cassa integrazione in deroga. Arriva con il decreto approvato dal Consiglio dei Ministri il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga per mezzo miliardo di euro. I sindacati ricordano che sarebbero serviti finanziamenti pari ad 1,5 miliardi. La Cig, così come l’Imu, verrà rifinanziata senza nuove tasse.

Lavoro, stanziati 700 milioni a tutela di 6.500 esodati. Il decreto istituisce un plafond da 700 milioni di euro, per garantire una risposta strutturale a 6.500 esodati. Scelti, ha spiegato il premier Letta, nella categoria più disagiata, quella dei «licenziati individuali». È il quarto intervento, dopo i tre del governo Monti che ne ha tutelati 130.000, a favore proprio degli esodati. In questo caso si tratterebbe di un fondo da 150 milioni di euro all’anno fino al 2017.

Potrebbe anche interessarti: Il dietrofront sulla Taser

[video_skin style=”6″ title=”Casa, cancellata l’#Imu dal 2014″ tag=”h2″ player=”youtube” video_id=”g3gSwJ5uScM” controls=”yes” width=”485″ height=”295″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *