Lavoro

Casa: anticipo del TFR per acquisto, ristrutturazione o estinzione mutuo

ABBONATI PER LEGGERE L'ARTICOLO

Gli abbonati ci aiutano a garantire una costante informazione. Come utente abbonato potrai:

Leggere e salvare tutti gli articoli su pc e tablet

Consultare la banca dati

Richiedere consulenze

Ricevere la newsletter

Tags

2 Commenti

  1. non so se avrò risposta ma tento comunque, per quei lavoratori in cassa integrazione possono richiedere il tfr maturato per acquisto casa

    1. Ciao Giuseppe. Purtroppo la risposta deve essere negativa. Nello specifico, non sono tenute all’anticipazione del T.F.R. le aziende dichiarate in crisi ai sensi della legge n. 75 del 1977, imprese nei confronti delle quali vi fosse stata dichiarazione di fallimento, ovvero omologazione di concordato preventivo consistente nella cessione di beni, ovvero emanazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa ovvero di sottoposizione all’amministrazione straordinaria. L’esonero è contestuale con il provvedimento dichiarativo di crisi aziendale, a nulla rilevando la domanda. I lavoratori appartenenti ad aziende in fase di ristrutturazione, o riconversione aziendale a causa della crisi non possono quindi richiedere l’anticipo del T.F.R.
      La Corte di Cassazione ha affermato, con una sentenza del 1995, che il riferimento alle aziende in crisi di cui all’art. 4, comma 2, della legge n. 297 del 1982 deve essere interpretato in maniera estensiva, considerando come tali anche tutte le aziende in Cassa integrazione guadagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close