Diritto

Biglietto del treno da rimborsare sempre, anche per ritardo da forza maggiore

Il passeggero ha diritto al rimborso del biglietto ferroviario anche quando il ritardo è dovuto a cause di forza maggiore, a partire dal 25% sino a 119 minuti e dal 50% oltre due ore
Il passeggero ha diritto al rimborso del biglietto ferroviario anche quando il ritardo è dovuto a cause di forza maggiore, a partire dal 25% sino a 119 minuti e dal 50% oltre due ore

Rimborso dei biglietti ferroviari anche quando il ritardo è dovuto a cause di forza maggiore. Questa la conclusione cui approda l’avvocato generale della corte Ue (la sentenza tra qualche mese). Così va interpretata la disciplina comunitaria. Il regolamento sui diritti e gli obblighi dei passeggeri ferroviari stabilisce che coloro che subiscono un ritardo pari o superiore a un’ora possono chiedere all’impresa ferroviaria il rimborso parziale del biglietto. Il risarcimento è pari a un minimo del 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardi compresi tra un’ora e 119 minuti, e a un minimo del 50% in caso di ritardi pari o superiori a due ore. Il regolamento, nella lettura dell’avvocato generale, non prevede eccezioni a tale diritto al risarcimento nei casi in cui il ritardo sia dovuto a forza maggiore, ad esempio difficili condizioni atmosferiche, danni all’infrastruttura ferroviaria o azioni sindacali.

Corte di Giustizia – Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *