Italia

L’ultima crociata di Grillo: abolire Equitalia e il redditometro

Fisco, Equitalia e Redditometro nel mirino di Beppe Grillo, accusati di intromettersi in maniera eccessiva nella vita dei cittadini
fisco, Equitalia e redditometro nel mirino di Beppe Grillo, accusati di intromettersi in maniera eccessiva nella vita dei cittadini

fisco, Equitalia e redditometro nel mirino di Beppe Grillo, accusati di intromettersi in maniera eccessiva nella vita dei cittadini e di essere gli “strumenti di tortura” di una dittatura fiscale.

L’ultima crociata del leader M5S parte, come è ormai consuetudine, da un post pubblicato sul blog di Grillo: «Questo lupo – scrive riferendosi al fisco italiano – ha una fame insaziabile. Bisogna metterlo a dieta, abolire il redditometro, abolire Equitalia, ripristinare un rapporto di eguaglianza tra Stato e contribuente. In bocca al lupo! Crepi!».

L’invettiva di Grillo non usa mezzi termini, e rovescia, per così dire, i termini del rapporto Fisco-cittadini per chiedere un riequilibrio che salvaguardi i cittadini onesti dai controlli di tipo inquisitorio: «Voglio essere io a sapere come lo Stato spende i miei soldi, non lo Stato a sapere come spendo gli spiccioli che mi sono rimasti in tasca. Questi, caro Befera, sono ca..i dei cittadini altrimenti siamo a tutti gli effetti in una dittatura fiscale».

Equitalia si conferma anche in questa occasione uno degli obiettivi polemici preferiti dei grillini. «Se hai pagato tutte le tasse (per un piccolo imprenditore arrivano al 70% come in uno Stato sovietico) – denuncia il leader M5S – non sei ancora fallito, hai rinunciato alle vacanze, hai pagato in anticipo l’Iva e il presunto (molto presunto) reddito del prossimo anno e aspetti dei pagamenti da parte dello Stato puoi trovare alla tua porta gli emissari di Equitalia che ti chiedono conto delle spese sostenute con il redditometro. Dove hai trovato i soldi per la nuova auto? Chi te li ha prestati? La retta della scuola di tuo figlio? L’abito nuovo? Dimostralo! Dimostralo! Evasore confessa!».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *