Italia

Bankitalia: la metà delle famiglie vive con meno di 2mila euro al mese

Bankitalia: la metà delle famiglie vive con meno di 2mila euro al mese
La metà delle famiglie italiane ha un reddito sotto i 2mila euro al mese. Nel 2012 il 20% dei nuclei familiari ha un reddito netto annuale inferiore a 14.457 euro (circa 1.200 euro al mese), mentre la metà ha un reddito superiore ai 24.590 euro (circa 2mila euro al mese). Il 10% delle famiglie a più alto reddito percepisce più di 55.211 euro

Famiglie italiane più povere. «Tra il 2010 e il 2012 – spiega la Banca d’Italia nel Rapporto sui bilanci delle famiglie – il reddito familiare ha subito in media un calo di circa il 7,3% mentre la ricchezza media del 6,9%». Il deterioramento delle condizioni economiche, «in termini di reddito equivalente, è stato più accentuato per i lavoratori indipendenti rispetto a quelli dei dipendenti e delle persone in condizione non professionale». Il reddito equivalente, secondo lo studio di Via Nazionale, «si è ridotto per tutte le classi di età, tranne per coloro con più di 64 anni, per i quali è rimasto invariato. Per le classi di età più giovani, invece, il reddito equivalente diminuisce significativamente rispetto alla media generale. Si conferma anche in questa rilevazione – sottolinea Bankitalia – il trend relativamente più favorevole alle classi anziane».

La metà delle famiglie ha reddito sotto i 2mila euro al mese. La metà delle famiglie italiane ha un reddito sotto i 2mila euro al mese. Nel 2012 il 20% dei nuclei familiari «ha un reddito netto annuale inferiore a 14.457 euro (circa 1.200 euro al mese), mentre la metà ha un reddito superiore ai 24.590 euro (circa 2mila euro al mese). Il 10% delle famiglie a più alto reddito percepisce più di 55.211 euro» spiega l’Istututo di via Nazionale.

Aumentano i poveri. In Italia la quota di povertà è salita dal 14% del 2010 al 16% nel 2012: e un povero su tre è immigrato. Nell’indagine Bankitalia individua la soglia di povertà con un reddito di 7.678 euro netti l’anno (15.300 euro per una famiglia di 3 persone). Precisa inoltre che la quota di individui relativamente poveri, ovvero quelli definiti da un reddito equivalente, inferiore alla metà della mediana osservata ciascun anno, è nel 2012 pari al 14,1%, di poco inferiore rispetto al 2010 (14,4%) e 2 punti percentuali superiore al 2008, e risulta maggiore al Sud e nelle Isole oltre che tra gli stranieri (rispettivamente 24,7% e 31%).

Reddito medio 2.500 euro mensili. Nel 2012, prosegue l’analisi «il reddito familiare annuo, al netto delle imposte sul reddito e dei contributi sociali, è stato in media pari a 30.338 euro, circa 2.500 euro al mese». Il reddito familiare è «più elevato della media per le famiglie con capofamiglia laureato, lavoratore indipendente o dirigente, di età compresa tra i 45 e i 64 anni, e inferiore per le famiglie residenti al Sud e Isole e per quelle con capofamiglia nato all’estero». Tra il 1991 e il 2012, secondo il rapporto, «i pensionati hanno migliorato significativamente la loro posizione relativa, passando dal 95% al 114% della media generale. Anche la posizione relativa dei lavoratori indipendenti ha avuto un miglioramento nel periodo, nonostante la flessione nell’ultimo biennio; la posizione dei lavoratori dipendenti è invece complessivamente peggiorata».

Il calo più rilevante al centro Italia. Tra il 2010 e il 2012, sottolinea Bankitalia, «la diminuzione del reddito equivalente è stata più rilevante al Centro e meno al Sud e Isole. I redditi equivalenti nel Centro-nord sono circa il 50% più elevati di quelli nel Sud e Isole». Il reddito da lavoro dipendente ricevuto in media da ciascun lavoratore «è risultato pari a 16.248 euro, in diminuzione dal 2010 (di circa il 2%)». Il reddito da lavoro indipendente, aggiunge Via Nazionale, «che ammonta a 18.206 euro, ha avuto una diminuzione più marcata (-9,9% rispetto al 2010), risentendo maggiormente della crisi economica. Il reddito da trasferimenti è stato di 11.022 euro, in aumento del 3,3%, mentre quello da capitale di 7.191 euro (-8,2% rispetto al 2010)».

Cresce la disuguaglianza sociale. Il 10% delle famiglie più ricche possiede quasi la metà della ricchezza totale dei nuclei familiari italiani. Secondo il rapporto della Banca d’Italia «il 10% delle famiglie più ricche possiede il 46,6% dell’intera ricchezza netta delle famiglie italiane (era il 45,7% nel 2010)». «L’aumento nella disuguaglianza della ricchezza – spiega Via Nazionale – è in parte attribuibile al calo del valore delle abitazioni, che è stato maggiore per le famiglie meno agiate».

Aumentano al 93% le famiglie con almeno un’attività finanziaria. Nel 2012, afferma Bankitalia, «circa il 93% delle famiglie detiene almeno un’attività finanziaria». La quota «è in leggero aumento» rispetto al 2010 (91,5%). La maggior parte delle famiglie con un’attività finanziaria possiede solo un deposito bancario o postale (69%, in crescita dal 64,8% del 2010). Tra le famiglie che investono in altre attività oltre ai depositi, le più numerose sono quelle che detengono un portafoglio composto solo di azioni e di obbligazioni private (16,9%). Il 3,7% delle famiglie possiede anche titoli di Stato e il 3,2% solo questi ultimi. Il 92,8% delle famiglie, secondo il rapporto, possiede un deposito bancario o postale, il 10,4% obbligazioni e quote di fondi comuni, il 6,9% titoli di Stato, il 5,6% buoni postali fruttiferi e il 4,4% azioni e partecipazioni italiane. Le rimanenti forme di investimento finanziario sono diffuse in segmenti molto ridotti della popolazione: il 2,5% delle famiglie investe i propri risparmi sotto forma di certificati di deposito o pronti contro termine, il 2,2% li affida alle gestioni patrimoniali. Una quota ancor più limitata di famiglie – conclude Via Nazionale – fa prestiti alle cooperative (1,2%) o dichiara di investire in titoli esteri (1,1%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *