Lavoro

Autoliquidazione INAIL 2014/2015: online i servizi telematici

Autoliquidazione INAIL 2014/2015: online i servizi telematici
L’INAIL ha messo a disposizione dei datori di lavoro i servizi online per l’autoliquidazione 2014/2015: Al.p.i. online, Invio telematico dichiarazione salari, Riduzione presunto e Vsal

Con la nota operativa n. 388 del 21 gennaio 2015, l’INAIL comunica di avere messo a disposizione dei datori di lavoro i servizi online per l’autoliquidazione 2014-2015: Al.p.i. online, Invio telematico dichiarazione salari, Riduzione presunto e Vsal, servizi che, nel corso del tempo, sono stati ampliati ed adeguati alle disposizioni normative vigenti. Pubblicata, inoltre, la versione definitiva della Guida all’autoliquidazione 2014-2015 con l’indicazione del tasso d’interesse applicabile in caso di pagamento a rate del premio e i manuali utente aggiornati di Al.p.i. online. Quali sono i servizi connessi all’autoliquidazione e le modalità di fruizione in relazione alle scadenze previste?

Con “autoliquidazione del premio” si intende un’insieme di adempimenti per assolvere i quali l’INAIL mette a disposizione degli strumenti telematici che, con la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, è diventato obbligatorio utilizzare.
L’accesso ai servizi telematici deve essere effettuato dal sito www.inail.it selezionando l’apposita funzione “Servizi Online” che consente di accedere a tutti i servizi raggruppati in macro categorie fra le quali è compresa quella dell’Autoliquidazione.
Oltre al datore di lavoro, possono accedere ai servizi online anche i professionisti iscritti agli albi, le associazioni di categoria, le società e cooperative delegate di gruppi di imprese e consorzi di cooperative.

Attenzione:
– per i datori di lavoro l’identificazione avviene tramite il Codice Ditta al quale è associata un password di accesso; questa password è riservata e deve restare nella esclusiva disponibilità del datore di lavoro;
– per gli intermediari abilitati, che possono agire per tutte i datori di lavoro in delega, l’identificazione avviene tramite il codice fiscale al quale è associata una specifica password.

L’INAIL individua il soggetto che effettua la comunicazione o la trasmissione dei dati dal tipo di identificativo, motivo per il quale non è mai consigliabile per il datore di lavoro affidare la propria password a soggetti terzi che, molto spesso, non sono titolari di un proprio identificativo perché non abilitati.

Quali sono i servizi online relativi all’autoliquidazione?
Vediamo le opzioni disponibili all’interno della sezione AUTOLIQUIDAZIONE e la funzione specifica.

Riduzione di presunto
È il servizio attraverso il quale devono essere comunicate le retribuzioni sulle quali il datore calcolerà la rata 2015 nella ipotesi che queste siano inferiori a quelle effettive dell’anno 2014. La comunicazione deve essere motivata.

Visualizza basi di calcolo
Consente di visualizzare e, se necessario, stampare le basi di calcolo rese disponibili dall’INAIL. La funzione riveste particolare importanza nella ipotesi di mancata ricezione o variazione del rapporto assicurativo intervenuta dopo l’ultima elaborazione di dicembre.

Richiesta basi di calcolo
Questo servizio rilascia un file in formato .TXT che contiene i tracciati riferiti ai codici ditta per i quali è stata chiesta la fornitura delle basi di calcolo. Il file ottenuto deve essere importato nel gestionale paghe, o di calcolo del premio INAIL, utilizzato per l’autoliquidazione. In questo modo può essere operata l’importazione delle basi di calcolo, di uno o più codici ditta, senza la necessità di inserimenti manuali.

Invio telematico dichiarazione salari
È la modalità più utilizzata per la trasmissione delle retribuzioni, delle opzioni relative alla rateazione in 4 rate e della certificazione per le misure di sicurezza delle ditte artigiane. La trasmissione avviene tramite l’invio di un file, nominato “salari.dat” in forma compressa (zip, rar etc.).
Allo scopo di evitare che il file venga scartato per irregolarità formali (numero o formattazione dei record non conformi), è opportuno che il file venga prima processato da un programma di verifica, denominato VSAL, che è già disponibile nel sito www.inail.it (sezione “pagare il premio in autoliquidazione”).
La verifica è importante perché l’incongruità formale comporta il rifiuto di tutto il file. Al contrario, la trasmissione di un file formalmente corretto, comporta ulteriori verifiche con l’acquisizione dei record regolari e lo scarto di quelli irregolari.
Il sistema automatizzato, entro 24 ore, rende disponibile una lista dei record accettati e di quelli scartati, con motivazione, e la ricevuta di protocollazione dei dati acquisiti. Solamente i record scartati dovranno essere corretti ed inviati nuovamente. Trascorso il termine di 24 ore deve essere effettuato un nuovo invio.

Al.p.i. online
È un applicativo che consente di effettuare i calcoli di autoliquidazione sui dati resi disponibili dall’INAIL. Dovranno essere inseriti i soli dati relativi alle retribuzioni effettive anno 2014 e l’opzione di pagamento in quattro rate ex legge n. 449/97 e l’eventuale certificazione riservata agli artigiani.
La procedura automatizzata consente di effettuare i calcoli dell’autoliquidazione (regolazione 2014 e rata 2015) per le ditte artigiane e degli eventuali contributi associativi comprese le stampe di servizio relative al dettaglio dei calcoli, al piano di rateazione 449/97 con l’esempio di compilazione del mod. F24.
Tramite l’apposito pulsante viene effettuato l’invio delle retribuzioni e degli altri dati con il rilascio della ricevuta ed il numero di protocollo.
L’applicazione Al.p.i. online può essere utilizzata sia dai datori di lavoro che dai grandi utenti. L’INAIL memorizza i dati del soggetto che provvede all’invio.

Attenzione:
Nella ipotesi di variazione intervenuta dopo l’elaborazione, l’INAIL deve effettuare il riallineamento della base di calcolo così da avere i dati di Al.p.i. online aggiornati.
Per gli artigiani che non devono comunicare retribuzioni, sono disponibili il numero verde 803164 da rete fissa e 06164164 da cellulare, tramite i quali comunicare al Contact Center Multicanale solamente l’opzione di rateazione 449/97 e/o la certificazione sulle norme di prevenzione per l’anno 2015. È necessario conoscere il proprio PIN ed avere un indirizzo di posta elettronica.
I servizi online attraverso in quali trasmettere i dati resteranno attivi fino al:
– 16.2.2015 – riduzione di presunto;
– 02.3.2015 – Invio telematico dichiarazioni salari, Al.p.i. online ed il servizio di Contact Center Multicanale.

La soluzione adottata dall’INAIL in presenza di malfunzionamenti dei propri sistemi, è quella di inviare le comunicazioni tramite PEC con l’onere, a carico del datore di lavoro o dell’intermediario, di allegare copia dell’errore che potrebbe essere dovuto anche all’abnorme numero di accessi contemporanei (il 2 marzo scade anche l’invio del modello OT24). Per questo motivo è consigliabile non attendere l’ultimo giorno per effettuare le trasmissioni dei dati.

INAIL – Nota N. 388/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *