Lavoro

Appalti: responsabilità solidale derogabile solo dai contratti collettivi

Appalti: responsabilità solidale derogabile solo dai contratti collettivi
L’istituto della responsabilità solidale costituisce una garanzia per i lavoratori impiegati nell’appalto ed eventuali regimi derogatori possono essere disciplinati solo dai contratti collettivi applicati ai lavoratori in questione

L’istituto della responsabilità solidale costituisce una garanzia per i lavoratori impiegati nell’appalto ed eventuali regimi derogatori possono essere disciplinati solo dai contratti collettivi di categoria. Lo ha chiarito il Ministero del Lavoro con interpello n. 9 del 17 aprile 2015.

L’ISTANZA DI INTERPELLO
L’ARIS ha avanzato istanza d’interpello per conoscere il parere del Ministero in ordine alla corretta interpretazione dell’art. 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/2003, nella parte in cui prevede che la contrattazione collettiva nazionale possa derogare al regime della responsabilità solidale negli appalti.
In particolare, l’Associazione ha chiesto se l’espressione “salva diversa disposizione dei contratti collettivi nazionali” si riferisca alla contrattazione collettiva sottoscritta da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative del settore di appartenenza dell’appaltatore ovvero di quello del committente.

LA RISPOSTA DEL MINISTERO DEL LAVORO
L’art. 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/2003, come modificato dall’art. 4, comma 31, della legge n. 92/2012, individua un regime di responsabilità solidale tra committente, appaltatore e ciascuno degli eventuali subappaltatori, avente ad oggetto i trattamenti retributivi, nonché il versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi dovuti in relazione ai lavoratori impiegati nell’appalto e al periodo di esecuzione dello stesso, entro il limite di due anni dalla sua cessazione.
Tale disciplina fa salve le diverse disposizioni “dei contratti collettivi nazionali sottoscritti da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative del settore che possono individuare metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti”.
In proposito, l’art. 9, comma 1, del D.l. n. 76/2013 (conv. dalla legge n. 99/2013), ha poi specificato che le eventuali diverse disposizioni contenute nei contratti collettivi nazionali possano esplicare i propri effetti solo con riferimento ai trattamenti retributivi dovuti ai lavoratori impiegati nell’appalto/subappalto, “con esclusione di qualsiasi effetto in relazione ai contributi previdenziali e assicurativi” (cfr. ML circ. n. 35/2013).

L’istituto della responsabilità solidale costituisce dunque una garanzia per i lavoratori impiegati nell’appalto – evidentemente dipendenti dell’appaltatore/subappaltatore – e pertanto appare conforme alla ratio della disposizione ritenere che eventuali regimi derogatori possano essere disciplinati dai contratti collettivi applicati ai lavoratori in questione.
Nell’ambito di tali contratti, pertanto, le organizzazioni datoriali e sindacali potranno individuare “metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti”, adeguatamente utili a garantire l’assolvimento, da parte dell’appaltatore, degli obblighi retributivi nei confronti dei propri lavoratori, senza limitarsi a prevedere l’acquisizione delle relative autodichiarazioni rilasciate dai datori di lavori.

Ministero del Lavoro – Interpello N. 9/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *