Italia

Anvur: così gli studenti danno i voti ai prof

Da ora in poi in tutte le università italiane gli studenti potranno giudicare i propri docenti. Non solo sulla qualità dei corsi ma anche sulle loro abitudini
Da ora in poi in tutte le università italiane gli studenti potranno giudicare i propri docenti. Non solo sulla qualità dei corsi ma anche sulle loro abitudini

Da ora in poi in tutte le università italiane gli studenti potranno giudicare i propri docenti. Non solo sulla qualità dei corsi ma anche sulle loro abitudini: dal rispetto degli orari di lezione alla reperibilità. L’Anvur, l’agenzia di valutazione del sistema universitario e della ricerca, ha appena messo a punto la sua «proposta operativa per l’avvio delle procedure di rilevamento dell’opinione degli studenti». Si parte con l’anno accademico 2013-2014 e i giudizi raccolti dagli atenei saranno utili sia per una autovalutazione ma anche all’Anvur per stilare poi le sue pagelle sulla qualità della didattica.

Sotto la lente docenti e qualità dell’insegnamento. «Il carico di studio dell’insegnamento è proporzionato ai crediti assegnati?» «Le modalità di esame sono state definite in modo chiaro?» Sono solo alcune delle domande che saranno sottoposte agli studenti attraverso delle schede standard predisposte dall’Anvur. Schede che tra l’altro potranno essere ampliate con l’aggiunta di altri quesiti ad hoc da parte degli atenei. Gli studenti potranno giudicare anche i loro docenti sui loro comportamenti: come il rispetto degli orari a lezione oppure la reperibilità per dare spiegazioni. Ma anche per capire se il docente «espone gli argomenti in modo chiaro». O se il professore è in grado di «stimolare o motivare l’interesse verso la disciplina».

Le rilevazioni obbligatorie per tutti gli studenti. «Per disporre di un numero significativo di questionari compilati, è necessario che gli atenei predispongano procedure per rendere obbligatoria, nei tempi previsti, la compilazione»: così dice il documento con le schede standard messo a punto dall’Anvur. Che prevede anche i tempi per la somministrazione delle schede che potranno essere compilate on line o nella versione cartacea: «Per gli studenti frequentanti potrà iniziare quando si giunge ai 2/3 dell’insegnamento da valutare e, nel caso dell’utilizzo della modalità di rilevazione online e per gli studenti non frequentanti, dovrà essere completata entro il 28 febbraio successivo per gli insegnamenti del I semestre ed entro il 30 settembre dello stesso anno accademico per gli insegnamenti del II semestre ed annuali». La modalità di invio all’Anvur di questi «micro-dati» sarà indicata – spiega il documento – «successivamente».

La scheda per valutare i docenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *