Lavoro

Ammortizzatori sociali in deroga: stanziati 503 milioni di euro

Ammortizzatori sociali in deroga: stanziati 503 milioni di euro
Assegnati 503 milioni di euro alle Regioni e alle Province autonome per gli ammortizzatori sociali in deroga

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha emanato il decreto n. 86486 del 4 dicembre 2014, che assegna ulteriori risorse finanziarie alle Regioni e alle Province autonome, al fine della concessione o della proroga, in deroga alla vigente normativa, dei trattamenti di cassa integrazione guadagni, ordinaria e/o straordinaria e di mobilità.

Le risorse ammontano a 503 milioni di euro, a valere sul Fondo Sociale per l’Occupazione e Formazione secondo il seguente piano di riparto:

REGIONE TOTALE RISORSE
Abruzzo 15.341.257
Basilicata 5.195.003
Calabria 22.204.459
Campania 31.146.013
Emilia Romagna 38.582.722
Friuli Venezia Giulia 7.450.548
Lazio 42.392.310
Liguria 13.842.380
Lombardia 88.420.552
Marche 14.704.098
Molise 3.439.472
Piemonte 37.477.687
Puglia 43.390.814
Sardegna 21.641.344
Sicilia 24.634.638
Toscana 33.227.735
Umbria 9.202.200
Valle D’Aosta 754.269
Veneto 44.546.558
Provincia Autonoma di Bolzano 2.458.464
Provincia Autonoma di Trento 2.947.478

Le risorse assegnate alla Regione Liguria sono comprensive dell’importo di euro 3 milioni per l’attivazione di un piano straordinario di ammortizzatori sociali in deroga finalizzato alla salvaguardia dei livelli occupazionali delle imprese colpite dall’alluvione.
Per la finalità di cui all’art. 6, comma 3 del decreto n. 83473 del 1 agosto 2014, il citato decreto n. 86486, all’art. 2, chiarisce che le Regioni e Province autonome possono disporre la concessione dei trattamenti di integrazione salariale, anche in deroga ai criteri di cui all’art. 2 del sopradetto decreto n. 83473, nella misura del 5 per cento delle risorse ad esse attribuite dal predetto art. 1 del medesimo decreto, secondo la seguente ripartizione:

REGIONE TOTALE RISORSE 
Abruzzo 767.063
Basilicata 259.750
Calabria 1.110.223
Campania 1.557.301
Emilia Romagna 1.929.136
Friuli Venezia Giulia 372.527
Lazio 2.119.615
Liguria 692.119
Lombardia 4.421.028
Marche 735.205
Molise 171.974
Piemonte 1.873.884
Puglia 2.169.541
Sardegna 1.082.067
Sicilia 1.231.732
Toscana 1.661.387
Umbria 460.110
Valle D’Aosta 37.713
Veneto 2.227.328
Provincia Autonoma di Bolzano 22.923
Provincia Autonoma di Trento 147.374

L’INPS al riguardo fa presente che per consentire il monitoraggio delle prestazioni corrisposte, le Regioni e le Province Autonome, per l’impiego delle risorse finanziarie di cui all’art. 6, comma 3, del D.I. 83473 del 1° agosto 2014, dovranno emettere apposite determinazioni concessorie.
Le risorse assegnate – al netto della quota riservata alla decretazione ex art. 6, comma 3 – possono essere utilizzate per completare la decretazione per periodi di competenza 2014, in relazione ad accordi stipulati ante 4 agosto 2014. Le Regioni o Provincie autonome che hanno risorse disponibili potranno completare l’invio all’INPS, tramite il sistema informativo dei percettori, dei decreti emessi per periodi di competenza 2014, relativi ad accordi stipulati dal 1° gennaio 2014 al 3 agosto 2014, nel rispetto delle risorse finanziarie ad esse assegnate. L’INPS è autorizzato ad erogare i trattamenti fino a concorrenza delle risorse finanziarie disponibili per ciascuna Regione e Provincia autonoma.

Ministero del Lavoro – Decreto N. 86486/2014

Potrebbe anche interessarti:

Cassa integrazione in deroga: chi ne ha diritto nel 2014?
Cig e mobilità in deroga con 12 mesi di anzianità
Cig in deroga, la copertura per il 2014 sale a 1,72 miliardi

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *