Lavoro

Ammortizzatori sociali in deroga: assegnate le risorse per il 2015

Ammortizzatori sociali in deroga: assegnate le risorse per il 2015
Ripartite le risorse finanziarie per il pagamento degli ammortizzatori sociali in deroga relativi a periodi di competenza 2015

Con il messaggio n. 4820 del 16 luglio 2015, l’Inps illustra l’assegnazione delle risorse finanziarie per il pagamento degli ammortizzatori sociali in deroga relativi a periodi di competenza 2015.

In particolare, con la circolare n. 107 del 27 maggio 2015 sono state previste indicazioni normative ed istruzioni operative alle sedi per la gestione ed il pagamento degli ammortizzatori sociali in deroga per periodi di competenza relativi alle annualità 2014 e 2015.

In data 8 luglio 2015 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha emanato il decreto n. 90973, che assegna risorse finanziarie alle Regioni e alle Province autonome, per gli ammortizzatori sociali in deroga pari a 500 milioni di euro, a valere sul Fondo Sociale per l’Occupazione e Formazione, di cui all’art. 18, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n.2, secondo il piano di riparto tra le Regioni di seguito indicato.

Regione Finanziamento D.I. 90973
Abruzzo € 15.341.256,00
Basilicata € 5.195.003,00
Calabria € 22.204.459,00
Campania € 31.146.013,00
Emilia Romagna € 38.582.722,00
Friuli Venezia Giulia € 7.450.548,00
Lazio € 42.392.310,00
Liguria € 10.842.380,00
Lombardia € 88.420.552,00
Marche € 14.704.098,00
Molise € 3.439.472,00
P.A. Bolzano € 2.458.464,00
P.A. Trento € 2.947.478,00
Piemonte € 37.477.687,00
Puglia  € 43.390.814,00
Sardegna € 21.641.344,00
Sicilia € 24.634.638,00
Toscana € 33.227.735,00
Umbria € 9.202.200,00
Valle D’Aosta € 754.269,00
Veneto € 44.546.558,00
Totale € 500.000.000,00
Inps – Messaggio N. 4820/2015

Potrebbe anche interessarti: Criteri di concessione degli ammortizzatori sociali in deroga: i chiarimenti dell’INPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *