Lavoro

Aliquote contributive applicate alle aziende agricole per l’anno 2015

Aliquote contributive applicate alle aziende agricole per l'anno 2015
Per l’anno 2015 l’aliquota contributiva dovuta al FPLD è fissata nella misura complessiva del 28,30%, di cui 8,84% a carico del lavoratore. Per le aziende singole o associate di trasformazione o manipolazione di prodotti agricoli zootecnici e di lavorazione di prodotti alimentari con processi produttivi di tipo industriale resta fissata nella misura del 32,30%

Con la circolare n. 49 del 26 febbraio 2015, l’INPS riepiloga le aliquote contributive applicate alle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l’anno 2015.

Per quanto riguarda la generalità delle aziende agricole, l’art. 3, comma 1, del D.Lgs. n. 146/1997 prevede che – a partire dal 1° gennaio 1998 – le aliquote contributive dovute al FPLD dai datori di lavoro agricolo, che impiegano operai a tempo indeterminato e a tempo determinato ed assimilati, siano elevate – annualmente – della misura di 0,20 punti percentuali a carico del datore di lavoro, sino al raggiungimento dell’aliquota complessiva del 32 per cento a cui si deve aggiungere l’incremento di 0,30 punti percentuali di cui all’art. 1, comma 769, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
Risulta, invece, esaurito l’adeguamento dell’aliquota contributiva a carico del lavoratore in quanto la stessa ha già raggiunto la misura piena.
Per l’anno 2015, quindi, l’aliquota contributiva di tale settore è fissata nella misura complessiva del 28,30%, di cui 8,84% a carico del lavoratore.

Con riferimento alle aziende agricole con processi produttivi di tipo industriale (aziende singole o associate di trasformazione o manipolazione di prodotti agricoli zootecnici e di lavorazione di prodotti alimentari), l’aliquota contributiva ha raggiunto, nell’anno 2011, il limite complessivo del 32%, di cui alla legge n. 335/1995, cui si è aggiunto l’aumento di 0,30 punti percentuali previsto dall’art. 1, comma 769, della legge n. 296/2006.
Conseguentemente, anche per l’anno 2015, l’aliquota contributiva di tale settore resta fissata nella misura del 32,30%, di cui 8,84% a carico del lavoratore.

Nulla è invece variato sulle aliquote INAIL e per le agevolazioni per zone tariffarie nel settore agricolo anno 2015.

INPS – Circolare N. 49/2015

Potrebbe anche interessarti:

Artigiani e commercianti: aliquote contributive 2015
Liberi professionisti: modifica aliquote contributive anno 2015
Contributi INPS 2015: aggiornati i minimali e massimali
Retribuzione giornaliera minima 2015: aggiornamento dall’INPS e regolarizzazione entro il 16 aprile
Prestazioni a sostegno del reddito: pubblicati gli importi massimi per il 2015
La tassa sui licenziamenti raggiunge quota 1.470,30 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *