Lavoro

Aggiornati i redditi per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare

Aggiornati i redditi per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare
l’Inps comunica che a decorrere dal 1° luglio 2014 sono stati rivalutati i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare

Salgono di poco i limiti di reddito per l’assegno al nucleo familiare. La legge n. 153/88 stabilisce che i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.

In base ai calcoli effettuati dall’Istat, la variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo tra l’anno 2012 e l’anno 2013 è risultata pari al 1,1%.

In relazione a quanto sopra, sono stati rivalutati i livelli di reddito in vigore per il periodo 1° luglio 2013 – 30 giugno 2014 con il predetto indice.

Le tabelle aggiornate all’Istat sono diffuse dall’Inps con la circolare n. 76 dell’11 giugno 2014.

L’assegno al nucleo familiare è la prestazione prevista a favore delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati con un reddito complessivo al di sotto di fasce prestabilite e ogni anno rivalutate per legge. La sussistenza del diritto e la fissazione dell’importo dell’assegno dipendono dal numero di componenti, dal reddito e dal tipo (dalla composizione) del nucleo familiare. Dal 1° gennaio 2007 (legge finanziaria n. 296/2006) sono stati rideterminati i livelli di reddito e gli importi dell’assegno per i nuclei familiari con entrambi i genitori o un solo genitore e con almeno un figlio minore, senza componenti inabili (tabelle 11 e 12); è stato elevato l’importo dell’assegno del 15% per le altre tipologie di nuclei con figli (tabelle 13-19); infine, ai fini della determinazione dell’Anf in presenza di nuclei numerosi (almeno quattro figli o equiparati di età inferiore a 26 anni), è stata sancita la rilevanza al pari dei figli minori i figli o equiparati di età superiore a 18 anni compiuti e inferiore a 21 anni compiuti purché studenti o apprendisti.

Le nuove tabelle indicano i limiti di reddito validi per il periodo dal 1° luglio 2014 al 30 giugno 2015. Per esempio, il limite di reddito annuo minimo della tabella 11, quella che riguarda la generalità dei casi (cioè il nucleo con entrambi i genitori e almeno un figlio e nessun componente inabile), oggi pari a euro 14.198,48 passerà dal 1° luglio a 14.354,66. Resta invece invariato l’importo mensile dell’assegno: 137,5 euro per tre componenti, 258,33 euro per 4 componenti, 375 euro per 5 componenti, 500 euro per 6 componenti e così via.

Inps – Circolare N. 76/2014 Tabella 11 nuovi limiti reddituale

2 Commenti

    1. Ciao Paolo. A determinate condizioni è possibile richiedere la social card, ossia una speciale carta ricaricabile in grado di offrire un importante sostegno ai nuclei familiari in difficoltà.

      Le condizioni per accedere al beneficio, tuttavia, sono molto stringenti in quanto è necessario:

      – non possedere più di un’utenza luce e gas;
      – non possedere più di una vettura per gli anziani e più di due per i genitori con figli piccoli;
      – non essere titolari di quote superiori al 10% di possesso di immobili di categoria catastale C7 e non avere un patrimonio mobiliare ISEE superiore ai 15.000 euro;
      – l’ISEE e l’importo complessivo dei redditi maturati non devono varcare certe soglie: per i genitori con figli sotto i tre anni e per anziani tra i 65 e i 70 anni i due indicatori non devono superare i 6.781 euro, mentre oltre i 70 anni gli stessi due parametri non devono risultare superiori, rispettivamente, a 6.781,76 euro e 9.042,34 euro.

      Se ritieni di possedere i requisiti prescritti dalla normativa puoi dare una lettura a questo articolo per approfondire come richiedere la carta acquisti: https://www.lavorofisco.it/social-card-2014-requisiti-valore-della-carta-acquisti-moduli-poste-e-compilazione-domanda-inps.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *