Fisco

Agenzia delle Entrate: 5 per mille 2014, dal 21 marzo le domande di iscrizione

Al via dal 21 marzo le iscrizioni al cinque per mille 2014: le organizzazioni del
Al via dal 21 marzo le iscrizioni al cinque per mille 2014: le organizzazioni del “volontariato” e le associazioni sportive dilettantistiche potranno iscriversi fra gli aspiranti beneficiari della quota dell’Irpef assegnata dai contribuenti con le prossime dichiarazioni dei redditi, attraverso i canali Entratel e Fiscoline. La campagna delle iscrizioni finisce il 7 maggio

Con un comunicato stampa del 20 marzo 2014 l’Agenzia delle Entrate annuncia l’avvio della nuova stagione del cinque per mille.

Dal 21 marzo, infatti, sarà possibile iscriversi attraverso i canali telematici Entratel e Fisconline che saranno pronti per accogliere le candidature degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche. Il nuovo calendario del 5 per mille non presenta modifiche significative rispetto al 2013. La campagna d’iscrizione, infatti, terminerà anche quest’anno il 7 maggio.

Nella circolare n. 7/E/2014 il timing completo del 5 per mille 2014. Le date e gli adempimenti per l’ammissione alla ripartizione delle somme del 5 per mille sono indicati nella circolare n. 7/E del 20 marzo 2014 dell’Agenzia delle Entrate. Il documento di prassi guida gli enti interessati nel compiere i passi e gli adempimenti necessari per il riconoscimento del beneficio. Il documento spiega, inoltre, come correggere eventuali errori d’iscrizione e regolarizzare le domande.

Il 7 maggio scatta il termine ultimo per l’iscrizione. Gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche hanno tempo fino al 7 maggio 2014 per presentare la domanda d’iscrizione all’Agenzia delle Entrate esclusivamente in via telematica. La procedura deve essere ripetuta anche dagli enti che si erano iscritti negli anni scorsi.

Il cinque per mille viaggia online. Gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche possono iscriversi utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia, Fisconline o Entratel. Per farlo è necessario collegarsi al sito internet www.agenziaentrate.gov.it e compilare il modulo di iscrizione seguendo le istruzioni e usando il software disponibile online. In alternativa si può ricorrere a un intermediario abilitato.

Per l’invio della dichiarazione sostitutiva la Pec fa il bis. Anche quest’anno, dopo l’esordio dell’anno passato, in alternativa alla trasmissione tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, gli enti del volontariato potranno inviare, entro il 30 giugno, la dichiarazione sostitutiva attraverso la propria posta elettronica certificata, da indirizzare alla corrispondente casella di posta certificata della Direzione regionale territorialmente competente. Nell’oggetto va riportata l’indicazione “dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2014” con allegata copia del documento d’identità del rappresentate legale che sottoscrive la dichiarazione. Gli indirizzi Pec delle Direzioni regionali sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate – www.agenziaentrate.gov.it. Naturalmente, resta immutata la possibilità di stampare il modello parzialmente precompilato con le informazioni indicate al momento dell’iscrizione.

Entro il 14 maggio tutti gli elenchi online Gli elenchi provvisori degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche saranno predisposti dall’Agenzia, tenendo conto delle domande di iscrizione inviate telematicamente, e pubblicati sul proprio sito istituzionale www.agenziaentrate.gov.it. L’Agenzia pubblicherà, distinti per tipologia, anche l’elenco degli enti della ricerca scientifica e dell’università e quello degli enti della ricerca sanitaria, trasmessi dai competenti Ministeri. I quattro elenchi saranno quindi consultabili online sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate entro il 14 maggio del 2014. A questo punto, gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche avranno tempo fino al 20 maggio per chiedere la correzione degli eventuali errori di iscrizione. Una volta corretti gli errori, l’Agenzia pubblicherà, entro il 26 maggio, una nuova versione aggiornata dei loro elenchi.

5 PER mille ai tempi supplementari: regolarizzazione possibile entro il 30 settembre. Anche per l’anno 2014 è possibile regolarizzare la propria posizione ed essere ammessi al riparto delle quote per gli enti che non hanno assolto in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, agli adempimenti richiesti. In pratica, per la regolarizzazione delle domande e/o delle successive integrazioni, i richiedenti, con i requisiti sostanziali richiesti, possono presentare le domande di iscrizione e/o provvedere alle successive integrazioni documentali, entro il 30 settembre, versando contestualmente una sanzione di 258 euro – codice tributo 8115.

La new-entry degli elenchi aggregati. Per consentire maggiore trasparenza delle scelte e degli importi attribuiti, a partire dalla pubblicazione relativa all’anno finanziario 2012 sarà disponibile l’elenco degli enti destinatari del contributo presenti in differenti categorie di beneficiari indicando, per ciascun ente, i dati delle scelte totali ricevute con i relativi importi complessivi. Inoltre, per facilitare l’identificazione degli enti destinatari del 5 per mille, sempre dal 2012, gli elenchi degli enti ammessi ed esclusi conterranno anche i dati della regione, della provincia e del comune.

La tabella di marcia del cinque per mille 2014. In dettaglio, il calendario che accompagnerà, passo dopo passo, centinaia di migliaia di associazioni ed enti del volontariato interessati al cinque per mille.

21 marzo apertura della procedura di iscrizione
7 maggio termine per l’iscrizione telematica all’Agenzia delle Entrate da parte degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche
20 maggio termine per la presentazione delle istanze all’Agenzia delle Entrate per la correzione di errori di iscrizione negli elenchi degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche
30 giugno termine per l’invio delle dichiarazioni sostitutive all’Agenzia delle Entrate da parte degli enti del volontariato e all’Ufficio del Coni territorialmente competente da parte delle associazioni sportive dilettantistiche
30 settembre termine per la regolarizzazione della domanda di iscrizione e/o delle successive integrazioni documentali

IL CONTENUTO INTEGRALE DELLA CIRCOLARE N. 7/E DEL 20 MARZO 2014

L’articolo 1, comma 205, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di Stabilità per il 2014), ha confermato senza modifiche l’istituto del cinque per mille anche per l’esercizio finanziario 2014 richiamando ai fini dell’applicabilità del contributo le modalità previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 aprile 2010.

Rispetto alle precedenti annualità rimangono immutate le tipologie di soggetti a cui può essere destinato il contributo del cinque per mille e le modalità per accedere al beneficio.

Si rinvia, pertanto, per i chiarimenti in merito ai soggetti beneficiari e alle modalità di attribuzione del contributo del cinque per mille alla circolare n. 6/E del 21 marzo 2013 nonché alla normativa e prassi elencata in calce alla presente circolare.

La presente circolare fornisce una sintesi dei termini degli adempimenti ai fini dell’ammissione al beneficio del cinque per mille degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche.

Vengono, inoltre, segnalate alcune novità in materia di pubblicazione degli elenchi.

1. ADEMPIMENTI

Ai fini dell’ammissione al contributo del cinque per mille, gli enti sopra menzionati devono presentare la domanda d’iscrizione e, successivamente, una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.

Per le modalità di presentazione delle domande di iscrizione e delle dichiarazioni sostitutive si confermano i chiarimenti forniti con la citata circolare n. 6/E del 2013.

Di seguito si riportano i termini di scadenza per l’anno finanziario 2014.

1.1 Enti del volontariato

Domanda di iscrizione: deve essere presentata a partire dal 21 marzo 2014, data di apertura del canale telematico, ed entro il termine del 7 maggio 2014 all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente in via telematica, direttamente dai soggetti interessati abilitati ai servizi telematici e in possesso di pin code, ovvero per il tramite degli intermediari abilitati alla trasmissione telematica secondo le vigenti disposizioni.

Dichiarazione sostitutiva: la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestante il possesso dei requisiti che danno diritto al contributo, deve essere presentata dal rappresentante legale dell’ente all’Agenzia delle Entrate entro il 30 giugno 2014.

Alla dichiarazione sostitutiva deve essere allegata copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del rappresentante legale che sottoscrive la dichiarazione.

1.2 Associazioni sportive dilettantistiche

Domanda di iscrizione: deve essere presentata a partire dal 21 marzo 2014, data di apertura del canale telematico, ed entro il termine del 7 maggio 2014 all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente in via telematica, direttamente dai soggetti interessati abilitati ai servizi telematici e in possesso di pin code, ovvero per il tramite degli intermediari abilitati alla trasmissione telematica secondo le vigenti disposizioni.

Dichiarazione sostitutiva: la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestante il possesso dei requisiti che danno diritto al contributo, deve essere presentata dal rappresentante legale dell’ente all’Ufficio del CONI territorialmente competente entro il 30 giugno 2014.

Alla dichiarazione sostitutiva deve essere allegata copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del rappresentante legale che sottoscrive la dichiarazione.

1.3 Correzione degli errori di iscrizione

Gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche, qualora a seguito della trasmissione della domanda di iscrizione rilevino che i dati relativi alla denominazione o alla sede dell’ente non sono aggiornati, possono, entro il 20 maggio 2014, chiedere la correzione degli errori presso la Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito territoriale si trova la sede legale del medesimo ente, utilizzando i modelli AA7/10 per i soggetti titolari di partita IVA e AA5/6 per i soggetti non titolari di partita IVA.

1.4 Regolarizzazione delle domande

Resta immutata anche per l’esercizio 2014 la possibilità per tutti gli enti destinatari del beneficio, qualunque sia la categoria di appartenenza, di procedere, entro il 30 settembre 2014, alla regolarizzazione delle domande di iscrizione e/o delle dichiarazioni sostitutive ai fini dell’ammissione al beneficio.

In base all’articolo 2, comma 2, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito con modificazioni dalla legge 26 aprile 2012, n. 44, infatti, gli enti che “non avendo assolto in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, agli adempimenti richiesti per l’ammissione al contributo” provvedono a trasmettere la domanda di iscrizione ovvero la dichiarazione sostitutiva entro il 30 settembre, possono comunque accedere al contributo del cinque per mille sempre che siano in possesso dei requisiti richiesti.

In particolare, possono regolarizzare la propria posizione:

  • i soggetti che non hanno presentato la domanda di iscrizione entro i termini stabiliti;
  • i soggetti che hanno omesso di presentare la dichiarazione sostitutiva, entro i termini previsti;
  • i soggetti che hanno presentato la dichiarazione sostitutiva nei termini, ma hanno omesso di allegare la copia del documento di identità.

In questi casi, l’accesso al beneficio è subordinato al versamento di una sanzione di 258 euro. La sanzione è versata con il Modello F24, indicando il codice tributo 8115. E’ esclusa la possibilità di compensare l’importo della sanzione.

2. PUBBLICAZIONE DEGLI ELENCHI

2.1 Elenchi degli enti iscritti al beneficio

L’Agenzia delle Entrate pubblica, entro il 14 maggio 2014, sul proprio sito istituzionale, www.agenziaentrate.gov.it, gli elenchi degli enti che hanno presentato la domanda di iscrizione al contributo del cinque per mille, distinti per le seguenti tipologie:

  • elenco degli enti del volontariato;
  • elenco degli enti della ricerca scientifica e dell’università;
  • elenco degli enti della ricerca sanitaria;
  • elenco delle associazioni sportive dilettantistiche.

Relativamente agli enti del volontariato e alle associazioni sportive dilettantistiche l’Agenzia delle Entrate, entro il 26 maggio 2014, pubblica l’elenco degli enti iscritti al contributo corretto a seguito delle segnalazioni degli errori di iscrizione, trasmesse entro il 20 maggio 2014, dal rappresentante legale o da un suo delegato.

2.2 Elenchi degli enti ammessi ed esclusi dal beneficio

Al termine delle attività amministrative di controllo, effettuate da ciascuna amministrazione competente, l’Agenzia delle Entrate pubblica gli elenchi, distinti per categoria, degli enti ammessi ed esclusi dal beneficio con l’indicazione delle scelte attribuite e dei relativi importi.

L’Agenzia delle Entrate, inoltre, procede periodicamente alla pubblicazione degli elenchi, distinti per tipologia, degli enti che hanno fruito della regolarizzazione delle domande di iscrizione e delle dichiarazioni sostitutive ai sensi del citato decreto-legge n. 16 del 2012.

Per consentire una migliore identificazione degli enti destinatari del contributo, a partire dalla pubblicazione relativa all’esercizio finanziario 2012, gli elenchi degli enti ammessi ed esclusi dal beneficio conterranno anche le informazioni, relative alla denominazione, codice fiscale, regione, provincia e comune.

Sempre a decorrere dalla pubblicazione degli elenchi degli enti ammessi al beneficio relativi all’esercizio finanziario 2012, l’Agenzia delle Entrate procederà alla pubblicazione di ulteriori elenchi contenenti dati aggregati.

In particolare, per consentire una maggiore trasparenza delle informazioni relative alle scelte e agli importi attribuiti agli enti destinatari del contributo del cinque per mille, si procederà alla pubblicazione dell’elenco degli enti destinatari del contributo presenti in differenti categorie di beneficiari con l’indicazione, per ciascun ente, dei dati delle scelte totali ricevute e dei relativi importi complessivi, al fine di rendere noti i contributi concessi anche in forma aggregata.

Agenzia delle Entrate – Circolare N. 7/E/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *