Fisco

Accertamenti catastali: dal 1° giugno 2015 pagamenti tramite F24

Accertamenti catastali: dal 1° giugno 2015 pagamenti tramite F24
Estese le modalità di versamento unitario tramite F24 al pagamento degli importi dovuti in seguito alla notifica di avvisi di accertamento relativi all’inosservanza della normativa catastale

Con la nota prot. n. 2015/41186 del 23 marzo 2015, l’Agenzia delle Entrate detta istruzioni in merito all’estensione delle modalità di pagamento delle somme dovute dai contribuenti a seguito di notifica di avviso di accertamento per inosservanza della normativa catastale.

In particolare, a decorrere dal 1° giugno 2015, il modello F24 è utilizzato per il pagamento di:

  • tributi speciali catastali;
  • sanzioni amministrative, irrogate in attuazione delle disposizioni previste nell’ordinamento catastale;
  • interessi sui tributi speciali catastali;
  • imposta di bollo correlata ad adempimenti per accertamenti catastali;
  • recupero spese per volture;
  • spese di notifica di atti catastali;
  • oneri accessori per operazioni catastali;
  • altre spese per operazioni catastali.

In un’ottica di razionalizzazione dei sistemi di pagamento, il sistema del versamento unificato garantisce una maggiore efficienza nella gestione del sistema tributario e, trattandosi di un sistema di pagamento moderno ed efficace, rappresenta un ulteriore progresso verso la semplificazione degli adempimenti fiscali dei contribuenti che già utilizzano il modello F24 per il pagamento di numerosi tributi.

Agenzia delle Entrate – Prot. N. 41186/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *